www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Calci nel da Milano
    Calci nel Cuore     Onore e Memoria     39 Angeli     In Memoriam     Tragedie Sorelle    

https://www.saladellamemoriaheysel.it/Immagini/Nino_Cerullo.jpg
CADUTI INTERISTI CURVA Z  Nino Cerullo Mario Ronchi Tarcisio Salvi R E S P E C T  !
NDR: E’ accertato dai loro familiari che allo stadio Heysel persero la vita 3 tifosi nerazzurri, in gita a Bruxelles con amici bianconeri: Nino Cerullo, Mario Ronchi e Tarcisio Salvi. (Fonte Logo Inter: Wikipedia.org)

Vergogna nerazzurra: così domenica i tifosi

hanno offeso la memoria delle vittime Heysel

di Pablo Arziliani

Un altro brutto episodio si è verificato domenica sera allo Juventus Stadium. I tifosi nerazzurri presenti nello splendido impianto torinese hanno trovato il modo di offendere per l’ennesima volta le 39 vittime dell’Heysel del 1985. Durante il match tra Juventus e Inter è stato esibito a lungo un drappo inneggiante al Liverpool, riferimento per nulla velato ai tifosi di quella squadra che causarono a margine della finale di Champions League giocata a Bruxelles a metà degli anni 80 la morte di quasi quaranta sostenitori bianconeri. Si può inneggiare a tragedie di questo tipo? E’ possibile che un episodio del genere rimanga impunito? E’ possibile che le tifoserie italiane siano ancora così becere da compiere gesti così vili? Anche i tifosi bianconeri, purtroppo, qualche volta si sono fatti notare in questo senso (inneggiando alla tragedia di Superga). Sarebbe bene che la società nerazzurra si dissociasse da quella parte di tifoseria, magari aiutando le autorità ad individuare ed espellere a vita dagli stadi i responsabili.

7 febbraio 2016

Fonte: Zonajuve.it

Heysel, è ancora polemica

Tifosi dell'Inter allo Stadium con bandiera del Liverpool

Non finisce mai la polemica legata alle vittime dell'Heysel e, soprattutto, non finisce mai l'idiozia di certi personaggi (chiamarli tifosi ci offende un po’) che continuano a popolare gli stadi italiani. La pagina Facebook Tuttocalcio, infatti, ha scovato una foto del settore ospiti dell'Inter ieri sera in cui compare una bandiera del Liverpool. Rispetto all'ultima trasferta di Firenze, quando i tifosi della Juventus vennero accolti da adesivi con la scritta -39 affissi sul percorso che portava al Franchi, stavolta non ci sono riferimenti diretti alla tragedia dell'Heysel ma 'solo' una bandiera del Liverpool che però non può non riportare alla memoria i tragici eventi del 1985, specialmente quando la si espone in un match di campionato italiano contro la Juventus. Ennesimo gesto da stigmatizzare di una tragedia per la quale non sembra esserci rispetto.

6 febbraio 2016

Fonte: Ilbianconero.com 

Ancora calpestata la memoria delle vittime dell'Heysel:

i tifosi dell'Inter espongono bandiera del Liverpool allo Stadium

"Ennesima vergogna allo #JuventusStadium durante #JuveInter, ancora una volta i tifosi dell'#Inter inneggiano al #Liverpool con cori e bandiere, col chiaro intento di mancare di rispetto alle 39 vittime dell'#Heysel. Sarebbe ora di prendere provvedimenti anche in questi casi, non solo per cori di sfottò tra tifoserie. Serie A TIM FIGC Federazione Italiana Giuoco Calcio". E' quanto rivela la pagina facebook RadioSvegliadj.it, che pubblica alcune foto esclusive nelle quali si vede spuntare nel settore ospiti dello Stadium la bandiera del Liverpool. Scene già viste e purtroppo rimaste troppo spesso impunite. 

6 febbraio 2017

Fonte: Tuttojuve.com

"J-Stadium" Torino, Juventus-Internazionale 27.01.2016 - 28.02.2016

 Nella curva dell'Inter cori e sciarpe del Liverpool

Continua il vilipendio dell'Heysel

di Alessandro Vignati

Che alcuni membri della curva interista non spiccassero di sportività e intelligenza era fatto già noto dal famoso striscione del 29 ottobre 2011 "Acciaio scadente, nostalgia dell'Heysel". Mercoledì sera, in occasione della trasferta allo Juventus Stadium, alcuni tifosi nerazzurri hanno esposto sciarpe e bandiere del Liverpool intonando alla strage dell'Heysel. Solite storie sulle quali puntualmente la Giustizia Sportiva fa orecchie da mercante e finge di non vedere, calcando la mano su episodi ben più futili e inutili. Fortunatamente ci ha pensato il campo a punire questi personaggi...

29 gennaio 2016

Fonte: Tuttojuve.com

Fonte Fotografie: Matteo Gribaudi / Image Sport

"Acciaio scadente, nostalgia dell'Heysel" lo striscione della vergogna interista

Mentre gli juventini insultavano Facchetti e Maicon: punite entrambe le società con pesanti ammende

MILANO - Che Inter-Juve di sabato fosse partita molto tesa, lo si sapeva prima ancora del fischio d'inizio. Lo è da sempre, ancora di più dopo Calciopoli e le rivendicazioni reciproche urlate specialmente nell'ultimo anno. STRISCIONI E CORI VERGOGNOSI - Ma esiste un limite di decenza che non va mai superato, per non sprofondare nella vergogna: è assai vergognoso è stato lo striscione esposto in Curva Nord dalle frange più estreme del tifo nerazzurro, a un certo punto del primo tempo, "Acciaio scadente, nostalgia dell'Heysel", macabro riferimento all'inchiesta aperta recentemente dalla procura di Torino sulla costruzione del nuovo stadio della Juve e all'incidente nello stadio a Bruxelles che nel 1985 portò alla morte di 39 tifosi della Juve. Lo striscione è rimasto appeso per un po', fintanto che un funzionario della Federcalcio non l'ha fatto togliere: nel secondo tempo non si vedeva fortunatamente più. Anche se poi, a un certo, punto, ne è comparso un altro: "Agnelli, crepa". Per aggiungere vergogna alla vergogna, i tifosi juventini hanno pensato bene di rispondere con cori più che beceri, "Facchetti uomo di merda" e "Facchetti non parla più". Oltre al razzista, "Maicon negro di merda" che si alternava a rumorosi "buh" ogni volta che il brasiliano toccava palla. PESANTI AMMENDE - I gesti non sono sfuggiti al giudice sportivo: sono arrivate ammende pesanti per le due società. Ventimila euro all'Inter "per avere suoi sostenitori, al 10' del secondo tempo, esposto per circa cinque minuti uno striscione dal tenore insultante la memoria di tifosi della squadra avversaria deceduti in tragiche circostanze; per avere inoltre, al 5' del primo tempo, esposto per circa 7 minuti uno striscione dal tenore ingiurioso nei confronti del presidente della squadra avversaria". Mentre 10.000 euro alla Juventus, invece, "per avere suoi sostenitori, nel corso del secondo tempo, indirizzato reiteratamente ad un calciatore avversario grida e cori costituenti espressione di discriminazione razziale".

31 ottobre 2011

Fonte: Corriere.it

www.saladellamemoriaheysel.it  Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)