www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Tragedia Stadio "Fratelli Ballarin" : Mostra 2017
   Morire di Calcio    Ballarin 1981    Repertorio    Audiovisivi    Testimonianze    Stampa e Web   30°  

"Lassù qualcuno ci ama"

Mostra in Memoria delle Vittime dello Stadio Ballarin

A cura di Associazione Noi Samb

Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata

Palazzina Azzurra, S. Benedetto del Tronto  29 aprile - 10 maggio 2017

Villa Claretta Assandri, Grugliasco  3 giugno - 16 luglio 2017

Le fotografie di Stefano Bianco scattate all'inaugurazione della mostra temporanea "Lassù qualcuno ci ama" all'interno del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata dedicata al Rogo del Ballarin del 1981 e ad Aldo e Dino Ballarin. Nella foto di sopra Luigi Tommolini e Mario Di Buò donano al museo granata una maglia storica rossoblu.

Gita a Torino per la chiusura della mostra su Carla e Maria Teresa

L’Associazione Noi Samb, in collaborazione con Boomerang Viaggi e Canalibus, organizza in data 15 e 16 luglio una gita a Torino per fare visita al Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata. Il museo ospita, inoltre, l’esposizione su Carla e Maria Teresa organizzata dall’Associazione. La gita prevede la partita in data 15 luglio, il pernottamento di una notte a Torino e la visita al Museo, con partenza prevista per il 16 luglio. La quota è di 140 euro a persona, comprensiva di viaggio, pernottamento e colazione in albergo… (Omissis)

4 luglio 2017

Fonte: Noisamb.it

Il Museo del Grande Torino ricorda Carla e Maria Teresa

Inaugurazione della mostra "Lassù qualcuno ci ama" presso il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata.

Sabato 3 giugno, presso il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, è stata presentata la mostra temporanea intitolata "Lassù qualcuno ci ama", nel ricordo di Aldo e Dino Ballarin, angeli di Superga, e delle tifose rossoblu Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, vittime del rogo del Ballarin. Dopo il grande successo dell’esposizione presso la Palazzina Azzurra di San Benedetto, la mostra si è spostata nella sede del Museo del Toro e sarà visibile fino al 16 luglio. Presente all’inaugurazione anche una delegazione di San Benedetto: Luigi Tommolini, uno degli organizzatori della mostra, accompagnato da Mario Di Buò e dalla moglie Paola Di Buonnato. L’Associazione Noi Samb ha voluto omaggiare gli amici granata con una maglia storica della Sambenedettese, realizzata dal negozio di abbigliamento Terzo Tempo Store. Anche la società rossoblu e il Comune di San Benedetto Del Tronto hanno donato rispettivamente una maglia da trasferta, insieme ad un gagliardetto della squadra, e una targa raffigurante il monumento al gabbiano Jonathan, uno dei simboli cittadini. Nel ringraziare nuovamente il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata per questa collaborazione, diamo appuntamento a tutti i tifosi interessati a visitare la mostra "Lassù qualcuno ci ama". Entro la chiusura, prevista per il 16 luglio, l’Associazione ha intenzione di raggiungere Torino insieme a tutti i tifosi che hanno voglia di ricordare insieme a noi due delle più grandi tragedie del calcio italiano.

5 giugno 2017

Fonte: Noisamb.it 

 

 

"Lassù qualcuno ci ama" si sposta a Torino

Dopo il successo della Palazzina Azzurra, la mostra intitolata "Lassù qualcuno ci ama" si sposta a Torino, all’interno della splendida location del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata. Dal 3 giugno al 16 luglio saranno riproposte le esposizioni dedicate ad Aldo e Dino Ballarin, angeli di Superga, e Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, le giovani tifose rossoblu morte a causa del tragico rogo del Ballarin. Nel ringraziare gli amici di Torino per la grande disponibilità e la condivisone del ricordo, vi proponiamo la lettera scritta da Giampaolo Muliari, direttore del Museo. L’Associazione Noi Samb, insieme al Comune di San Benedetto ha intenzione di far visita alla mostra insieme a tutti i tifosi rossoblu interessati. Per informazioni basta chiamare il numero (Omissis).

La Lettera

"Carissimi amici,

spesso scriviamo che la memoria è importante, ma la memoria ha bisogno anche di fatti, di gesti concreti, di testimonianze per renderla attuale e sempre viva. Con questo spirito ricorderemo sabato al museo, con una mostra speciale dal titolo "Lassù qualcuno ci ama", Aldo e Dino Ballarin, angeli di Superga, e con loro Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, due giovani tifose della Sambenedettese perite nel rogo dello stadio "Ballarin" di San Benedetto Del Tronto. La mostra ha avuto un’anteprima proprio a San Benedetto nella prestigiosa Palazzina Azzurra alla presenza del Sindaco e di tanta gente commossa, e ora saremo noi a proporla per rinnovarne la memoria. Un affettuoso grazie a Luigi Tommolini e a tutti gli amici dell’Associazione Noi Samb per la condivisione di questo comune ricordo. Un grazie altrettanto grande a Mario Patrignani e agli amici del Toro Club di Offida che hanno tenuto alta la bandiera granata durante la mostra in terra marchigiana. Segnatevi questa data: sabato 3 giugno, ore 15 a ingresso libero, presso il Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata. Ora tocca a noi!".

Giampaolo Muliari, Direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata

2 giugno 2017

Fonte: Noisamb.it  

 

Inaugurata la mostra per Carla e Maria Teresa

Piunti: "Mi sono commosso. Quel giorno c’ero"

SAN BENEDETTO DEL TRONTO - È stata inaugurata sabato 29 aprile, alla Palazzina Azzurra di San Benedetto del Tronto, la mostra "Lassù qualcuno ci ama" dedicata a Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, vittime del tragico rogo del Ballarin avvenuto il 7 giugno 1981. L’esposizione, organizzata dall’Associazione Noi Samb in collaborazione con il museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, sarà visitabile fino al 10 maggio. Presenti alla serata inaugurale il sindaco Pasqualino Piunti, gli assessori Pierluigi Tassotti e Annalisa Ruggieri, l’ex gloria rossoblù Bruno Ranieri e i familiari delle due giovani vittime tra cui il papà di Carla Bisirri e la mamma di Maria Teresa Napoleoni, visibilmente commossi. Un momento intenso colmato da racconti ma anche silenzi. "La Palazzina, luogo storico di questa città, ospita un evento che sa di ricordi - ha dichiarato il primo cittadino di San Benedetto - Mi sono commosso perché io quel giorno c’ero. La storia che mi è stata raccontata dal signor Bisirri, inoltre, mi ha molto toccato; sua figlia Carla avrebbe dovuto sposarsi tre mesi dopo". Al primo piano numerosi quadri dedicati al Grande Torino ed in particolare ai fratelli Aldo e Dino Ballarin: "San Benedetto e Torino sono legate indissolubilmente non solo per motivi calcistici ma anche per finalità turistiche - ha proseguito Piunti. Negli anni 70 la Samb prese il portiere del Toro Antonio Pigino. L’attaccante Primo Pasquali, successivamente, partì da qui alla volta di Torino. Ringrazio l’Associazione Noi Samb per la delicatezza e la sensibilità con le quali hanno organizzato questo evento". A prendere la parola anche Giampaolo Muliari dell’Associazione Memoria Storica Granata: "Porto i saluti di tutti i soci del Museo del Grande Torino - ha dichiarato. La nostra storia associativa ha 22 anni e ogni volta mi emoziono tantissimo. Il nostro è un museo alimentato da pura passione; in questi anni abbiamo allestito circa 150 mostre itineranti. Tre anni fa, casualmente, ho conosciuto la storia di Carla e Maria Teresa. Capisco il senso della tragedia ma soprattutto il senso della memoria. Nel nostro museo c’è una frase che dice che la tragedia non è morire ma dimenticare. Faremo di tutto dunque per onorare il ricordo di queste due ragazze nella nostra casa". Non sono mancati i commenti di Luigi Tommolini, curatore dell’esposizione: "In questi anni ho sempre pensato che non fosse giusto dimenticare il sacrificio di due belle e brave ragazze. Finalmente, dopo lunghe battaglie, siamo riusciti a fare qualcosa. Questa tragedia appartiene a tutti noi. Io, quel giorno, sono stato fortunato ma porto con me immagini impossibili da rimuovere. Carla e Maria Teresa oggi sono vive e sono qui con noi".

1 maggio 2017

Fonte: Noisamb.it - Lanuovariviera.it

 

 

San Benedetto, si apre la mostra Lassù qualcuno ci ama

Convegno alla Palazzina Azzurra

SAN BENEDETTO - Si inaugura domani, sabato 29 aprile alle ore 18 presso la Palazzina Azzurra, la mostra dedicata a Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, le due ragazze vittime del tragico rogo dello stadio Ballarin del 7 giugno 1981. L’evento organizzato dall’Associazione Noi Samb e dal Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, si intitola "Lassù qualcuno ci ama". Per la durata della mostra che si chiuderà il 10 maggio, la Palazzina Azzurra ospiterà contemporaneamente due esposizioni: al piano terra si potranno ammirare foto, video e testimonianze sulla vita delle due tifose e del giorno dell’incidente; il primo piano invece sarà dedicato al Grande Torino e, in particolare, ai fratelli Aldo e Dino Ballarin. Domenica 30 aprile, alle ore 10, si terrà un incontro, sempre alla Palazzina Azzurra, aperto a tifosi, sportivi e cittadini. Il tema centrale del dibattito sarà l’importanza delle strutture di proprietà nel mondo del calcio. A partire dalla testimonianza di Giampaolo Muliari, direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, si esporrà l’emblematico caso dello stadio Filadelfia di Torino, risorto dalle ceneri e prossimo a diventare un piccolo gioiello a disposizione del settore giovanile della squadra granata. Il "caso Filadelfia" può essere utile a sbloccare la situazione del nostro Ballarin ? In che modo la città potrà incidere sul suo destino ? Ma soprattutto, che impatto hanno le strutture di proprietà nei bilanci delle società di calcio ? Tante domande a cui proveranno a rispondere Giampaolo Muliari, Remo Croci, Emidio Lattanzi. La mostra alla Palazzina Azzurra sarà aperta tutti i giorni dal 29 aprile al 10 maggio, con ingresso libero, negli orari 10-13 e 17-20. La stessa esposizione sarà poi riproposta dal 4 giugno al 16 luglio a Villa Claretta Assandri in Grugliasco (Torino) negli spazi espositivi del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata.

28 aprile 2017

Fonte: Tmnotizie.com

 

Lassù qualcuno ci ama

di Domenico Laudadio

Il titolo di un film anni ‘50 per ricordare una tragedia dimenticata degli anni ’80

Il titolo di un film anni ‘50 per ricordare una tragedia dimenticata degli anni ’80 è stato scelto dall’Associazione "Noi Samb" e dal "Museo del Grande Torino e della leggenda granata" per inaugurare una mostra condivisa che avrà il battesimo alle ore 18.00 di sabato 29 aprile 2017 nella "Palazzina Azzurra" di San Benedetto del Tronto alla presenza delle autorità cittadine. Successivamente la medesima sarà trasferita a Grugliasco (TO) il 4 giugno p.v. nella sede museale dell’ Associazione Memoria Storica Granata. Il corredo dell’esposizione, arricchito da una completa raccolta di foto, video e testimonianze sull’assurda tragedia avvenuta il 7 giugno 1981 allo stadio "Fratelli Ballarin" nello splendido comune adriatico, è integrato dalla esposizione di materiale multimediale su Aldo e Dino Ballarin, i due fratelli calciatori del Grande Torino caduto a Superga ed ai quali venne intestato proprio quel campo sportivo della Sambenedettese. Con la mostra si vuole fare memoria della morte tragica di due giovanissime tifose della Samb bruciate in un rogo diabolico per quanto imprevedibile: Maria Teresa Napoleoni e Carla Bisirri, figlie del popolo rossoblu in festa da giorni nell’attesa del fatidico giorno della promozione matematica in Serie B del club marchigiano che disputava quella domenica l’ultimo incontro casalingo di serie C con il Matera. La carta accumulata per i festeggiamenti dalla tifoseria nelle gradinate inferiori della curva Sud dello stadio, circa sette quintali di coriandoli, s’incendia improvvisamente nel torrido clima assolato molto probabilmente a causa dei fumogeni accesi all’ingresso delle squadre sul campo. Con il fatale concorso di una folata di brezza marina si eleva in rapida evoluzione un rogo di fiamme altissime creando il panico fra i 3500 spettatori stipati sugli spalti gremiti oltre l’esaurimento. Alcuni restano ustionati in balia delle fiamme, altri si feriscono nella fuga disperata rotolando sulle gradinate o nell’ estremo tentativo di scavalcare il filo spinato della rete metallica divisoria del campo. Le porticine di accesso della recinzione sono drammaticamente serrate e non presidiate, le chiavi introvabili, l’idrante più vicino malfunzionante. Molti minuti più tardi entra in funzione con alcune prolunghe quello di centrocampo che riesce a spegnere quanto è rimasto della brace che ha già liquefatto la pelle di alcuni poveri tifosi rossoblu. Evidentemente marcate le analogie con l’Heysel nell’aspetto della impreparazione all’emergenza e nella mancanza totale di prevenzione della sicurezza. Gli anni 80 conteranno più di un centinaio di vittime negli stadi europei a causa di gravissime e colpevoli superficialità di quanti furono preposti dentro e fuori il campo di gioco in veste di responsabili dell’organizzazione degli eventi calcistici. Un ingrato tributo di vite sacrificate all’imperizia degli stolti nelle quali si piangono anche le due rose di San Benedetto del Tronto. Per decine di anni l’oblio ha coperto l’infausta vicenda e ancora oggi la sua storia non è ricordata o conosciuta da molti. Il Comune di San Benedetto ci ha messo trent’anni per ricordare doverosamente Carla e Maria Teresa con una targa marmorea e tutte le sue amministrazioni hanno trascurato nel tempo anche il teatro di quella tragedia, il vecchio glorioso stadio intitolato ai Fratelli Ballarin, oggi sbrecciato e pericolante, ridotto ad un accumulo di ferraglie arrugginite, immondizia e sterpaglie. Viene alla mente proprio la stessa sorte del "Filadelfia" di Torino... Ma la lezione della sua rinascita imminente, figlia della passione granata di un popolo, torni utile anche per vedere risorgere questo sciatto rudere accantonato dall’indifferenza di amministratori senza scrupolo e valori. Quelle stesse gradinate che cullarono in grembo i sogni di generazioni e l’amore di tanta gente e che furono asperse dal sangue di due creature innocenti meriterebbero la restituzione alla loro vocazione e ruolo primitivo nello sport, in nome della dignità della memoria e affinché nuovi altri giovani atleti calpestino ancora quel prato rifiorito e abbia senso e un motivo in più per ringraziarle sollevando gli occhi al cielo.

27 aprile 2017

Fonte: Giulemanidallajuve.com

 

Esposizioni, incontri e convegni nel nome di Carla e Maria Teresa

Il programma della mostra dedicata alle vittime del Ballarin

SAN BENEDETTO DEL TRONTO - Dal 29 aprile al 10 maggio la Palazzina Azzurra di San Benedetto Del Tronto ospiterà una mostra dedicata a Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, le due ragazze vittime del tragico rogo dello stadio Ballarin del 7 giugno 1981. L’evento organizzato dall’Associazione Noi Samb e dal Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata, si intitola "Lassù qualcuno ci ama" e sarà inaugurato sabato 29 aprile alle ore 18.00 alla presenza delle autorità cittadine. Per la durata della mostra la Palazzina Azzurra ospiterà contemporaneamente due esposizioni: al piano terra si potranno ammirare foto, video e testimonianze sulla vita delle due tifose e del giorno dell’incidente; il primo piano invece sarà dedicato al Grande Torino e, in particolare, ai fratelli Aldo e Dino Ballarin. Nella mattinata di domenica 30 aprile, alle ore 10, si terrà un incontro incentrato sullo stato di abbandono dello Stadio Ballarin, sulla rinascita del mitico Filadelfia di Torino e sull’importanza degli stadi di proprietà. Parteciperanno al dibattito Giampaolo Muliari, Direttore del Museo del Grande Torino, e i giornalisti Sambenedettesi Remo Croci ed Emidio Lattanzi,  oltre a tanti altri ospiti. La mostra alla Palazzina Azzurra di San Benedetto Del Tronto sarà aperta tutti i giorni dal 29 aprile al 10 maggio, con ingresso libero, negli orari 10-13 e 17-20. La stessa esposizione sarà poi riproposta dal 4 giugno al 16 luglio a Villa Claretta Assandri in Grugliasco (Torino) negli spazi espositivi del  Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata.

Ufficio Stampa "Associazione Noi Samb"

24 aprile 2017

Fonti: Lanuovariviera.it - Ilmartino.it - Tmnotizie.com - Toronews

 

Una mostra nel ricordo di Carla e Maria Teresa, le più belle rose rossoblu

di Luigi Tommolini

Dal 29 aprile al 10 maggio "La Palazzina Azzurra" di San Benedetto del Tronto sarà lo scenario di una mostra dedicata alla memoria di Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni, decedute a seguito del tragico Rogo avvenuto nella Gradinata Sud dello Stadio Fratelli Ballarin di San Benedetto del Tronto il 7 giugno 1981, prima della gara contro il Matera che avrebbe sancito, in un clima di grande festa, il ritorno in serie B della squadra rossoblu. La mostra è organizzata dall’Associazione NOI SAMB insieme alle associazioni del Ballarin, al Comune di San Benedetto, a tutti tifosi rossoblu e al sottoscritto, sempre memori di una delle tragedie più gravi avvenute nella cittadina sambenedettese. "Lassù qualcuno ci Ama": Ricordi e Foto, filmati e memorie scritte per non dimenticare due giovani ragazze sambenedettesi, tifose rossoblu, andate incontro a un crudele destino. Nello stesso periodo la Mostra ospiterà al suo interno anche il "Museo del Grande Torino e della leggenda granata". Di seguito il comunicato ufficiale diramato dall’ Ufficio Stampa dell’associazione "Noi Samb" in data odierna: "L’Associazione Noi Samb organizza una mostra alla Palazzina Azzurra. Dal 29 aprile al 10 maggio la Palazzina Azzurra di San Benedetto ospiterà una mostra dedicata alle due vittime del tragico rogo del Ballarin: Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni. L’evento, organizzato dall’Associazione "Noi Samb", ospiterà anche una sezione a cura del "Museo del Grande Torino e della leggenda granata". Foto, testimonianze, incontri e tanto altro per non spegnere il ricordo della più grande tragedia avvenuta in un impianto sportivo italiano".

6 aprile 2017

Fonte: Ilmartino.it

 

Alla Palazzina Azzurra una mostra per Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni. Una sezione dedicata al Grande Torino

Foto, testimonianze, incontri e tanto altro alla Palazzina Azzurra nell'ambito di una mostra che vuole ricordare le giovani vittime del Rogo del Ballarin e la "Leggenda Granata"...

L’Associazione Noi Samb organizza una mostra alla Palazzina Azzurra. Dal 29 aprile al 10 maggio la struttura di San Benedetto ospiterà una mostra dedicata alle due vittime del tragico rogo del Ballarin: Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni. L’evento, organizzato dall’Associazione Noi Samb, ospiterà anche una sezione a cura del "Museo del Grande Torino e della leggenda granata". Foto, testimonianze, incontri e tanto altro per non spegnere il ricordo della più grande tragedia avvenuta in un impianto sportivo italiano.

6 aprile 2017

Fonte: Gazzettarossoblu.it

 

Associazione "Noi Samb": Comunicato ufficiale del 6.04.2017

L’Associazione Noi Samb organizza una mostra alla Palazzina Azzurra. Dal 29 aprile al 10 maggio la Palazzina Azzurra di San Benedetto ospiterà una mostra dedicata alle due vittime del tragico rogo del Ballarin: Carla Bisirri e Maria Teresa Napoleoni. L’evento, organizzato dall’Associazione "Noi Samb", ospiterà anche una sezione a cura del "Museo del Grande Torino e della leggenda granata". Foto, testimonianze, incontri e tanto altro per non spegnere il ricordo della più grande tragedia avvenuta in un impianto sportivo italiano.

Ufficio Stampa

6 aprile 2017

Fonte: Associazione "Noi samb"

 

 

www.saladellamemoriaheysel.it  by Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)