www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
La Mostra di Melfi
     Tragedie Sorelle     39 Angeli     Superga 4.05.1949     In Memoriam     Onore e Memoria    


Mostra di Melfi  27 settembre - 12 ottobre 2014

Museo Civico "Palazzo Donadoni", Vico Rispoli 15, Melfi (PZ)

"Settanta Angeli in un unico Cielo

Heysel e Superga tragedie sorelle"


La mostra resterà aperta sino al 12 ottobre prossimo

Ricordando Superga e Heysel, a Melfi emozioni e riflessioni

Inaugurata la mostra "Settanta angeli in un unico cielo"

"Con l’incontro odierno e con la mostra su Superga e Heysel stiamo facendo la storia, stiamo regalando alle generazioni future un’occasione per riflettere sul calcio, quello che è ma anche quello che dovrebbe essere. Soprattutto un gioco come recita l’acronimo Figc: lasciamo giocare i nostri ragazzi al pallone, altrimenti attueremo una forma di pedofilia nei loro confronti, quella di utilizzare i loro corpi per la nostra fame di vittorie e di successo". Con queste parole don Aldo Rabino, guida spirituale del Torino Fc ha concluso la presentazione della mostra "Settanta angeli in un unico cielo. Heysel e Superga tragedie sorelle" allestita a Melfi presso il museo civico di palazzo Donadoni. L’evento, organizzato dal locale Toro club "Gian Paolo Ormezzano", con il patrocinio del comune di Melfi, ha visto la partecipazione numerosa ed attenta, non solo di tifosi e sportivi ma anche di giovani calciatori appartenenti alle società As Melfi, F.T.S. Rionero, Venusia calcio, Atella Monticchio, "Peppe Sabino" Palazzo San Gervasio e Sport Melfi. Introdotti da Gianluca Tartaglia, presidente del Toro club Melfi, i lavori sono proseguiti con i saluti dell’assessore comunale al Patrimonio Alessandro Panico e del presidente del Comitato Regionale della Figc Piero Rinaldi.E’ toccato, invece, a Giampaolo Muliari, direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata e curatore della mostra, aprire la serie dei qualificati interventi. " ‘Settanta angeli in un unico cielo’ è un invito ad andare ‘oltre’; è un messaggio di fratellanza sportiva di cui tutti abbiamo bisogno. Per questo dico grazie, con tutto il cuore, a Melfi e alla sua gente per aver riproposto (prima volta in Italia dopo quella del Museo) questa mostra, questo incontro, che ha il merito di ricordare a tutti noi che non esistono i nostri morti e i morti degli altri; i nostri Angeli e gli Angeli degli altri; esiste solo un unico cielo che li abbraccia tutti". Sulla stessa lunghezza d’onda Francesco Caremani, autore del libro "Heysel, la verità di una strage annunciata". "Questa mostra - ha detto il giornalista aretino - è un seme di cultura sportiva nel fango del calcio italiano. E’ un dovere portarla in giro per l’Italia e un onore averla portata a Melfi che l’ha accolta con grande entusiasmo e con uno spirito di accoglienza senza pari. Ripartiamo da qui con le parole di don Aldo Rabino: oggi stiamo facendo la storia !". Poi l’intervento di Domenico Laudadio, custode del Museo Virtuale Multimediale "www.saladellamemoriaheysel.it". "Le dure immagini dei corpi pietosamente allineati fuori al piazzale dello Stadio Heysel ed ai piedi della carlinga in rottami a Superga è il messaggio più efficace e trasversale in grado di abbattere qualunque riserva o pregiudizio di sorta sulla sacralità della vita e sul rispetto del lutto al di sopra dei colori della propria fede. Non ha davvero alcun senso opporre disquisizioni nell’esercizio della memoria di queste due immani "tragedie sorelle" poiché il rispetto è la pietra angolare su cui si erige l’onore in ogni latitudine". Il giornalista del Tg5 Beppe Gandolfo, che ha moderato con maestria l’incontro, è stato insignito del premio giornalistico "Cuore Granata". "Sono emozionato e sorpreso per il riconoscimento conferitomi dal Toro club di Melfi . Un premio – ha detto Gandolfo- che trovo quanto mai azzeccato perché ‘Il mio Toro, la mia missione’ il libro con don Aldo Rabino è stato scritto proprio con il cuore".

29 settembre 2014

Fonti: Melfilive.it - Torinofc.it - Ilmetapontino.it

 

A Melfi le rievocazioni di Superga e dell'Heysel

Un'occasione per riflettere

La mostra del Toro Club unisce due tragedie del calcio

MELFI - Inaugurata, al termine di un incontro organizzato dal Toro Club Melfi, la mostra "70 angeli in un unico cielo. Superga e Heysel, tragedie sorelle". Al giornalista Beppe Gandolfo il premio "Cuore Toro". "Con questo incontro e la mostra stiamo facendo la storia, regalando alle generazioni future una vera occasione per riflettere sul calcio, quello che è ma pure quello che dovrebbe essere. Soprattutto un gioco come recita l'acronimo Figc: lasciamo giocare i nostri ragazzi al pallone, altrimenti attueremo una forma di pedofilia nei loro confronti, quella di utilizzare i loro corpi per la nostra fame di vittorie e di successo". Con queste parole don Aldo Rabino, guida spirituale del Torino Fc ha concluso la presentazione della mostra rievocativa allestita a Melfi presso il Museo civico di Palazzo Donadoni. L'evento, patrocinato dal Comune di Melfi e con il contributo della Generali Assicurazioni, dell'Agriturismo "La Villa" e il bar pizzeria "Lo Sfizio", ha visto la partecipazione numerosa non solo di tifosi e sportivi ma anche di baby atleti appartenenti ai club As Melfi, Fst Rionero, Venusia Calcio, Atella Monticchio, "Peppe Sabino" Palazzo San Gervasio e Sport Melfi. Introdotti da Gianluca Tartaglia, presidente del Toro club Melfi, i lavori sono proseguiti con i saluti dell'assessore comunale al patrimonio Alessandro Panico e del presidente del Comitato regionale della Figc Piero Rinaldi. E' toccato, invece, a Giampaolo Muliari, direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata e curatore della mostra, aprire la serie degli interventi. "La mostra è un invito ad andare "oltre"; è un vero messaggio di fratellanza sportiva di cui tutti abbiamo bisogno. Per questo dico grazie, con tutto il cuore, a Melfi e alla sua gente per aver riproposto (per la prima volta in Italia dopo quella del Museo) questa mostra, questo incontro, che ha il merito di ricordare a tutti noi che non esistono i nostri morti e i morti degli altri, i nostri Angeli e quelli degli altri. Esiste solo un unico cielo che li abbraccia tutti", ha detto Muliari. Sulla stessa lunghezza d'onda Francesco Caremani, autore del libro "Heysel, la verità di una strage annunciata". "Questa mostra - ha precisato il giornalista aretino - è un seme di cultura sportiva nel fango del calcio italiano. E' un dovere portarla in giro per l'Italia".

28 settembre 2014

Fonte: La Nuova del Sud 

 

EVENTI Una mostra sulle tragedie di Superga e dell'Heysel visitabile fino al 12 ottobre prossimo

"Settanta angeli in cielo" per ritrovare

i valori più veri del gioco del calcio

Premiato dal Toro Club Ormezzano di Melfi il giornalista Beppe Gandolfo.

MELFI. Una mostra sulle tragedie di Superga ed Heysel per regalare "alle generazioni future un'occasione per riflettere sul calcio, quello che è ma anche quello che dovrebbe essere. Soprattutto un gioco come recita l'acronimo Figc". Con queste parole don Aldo Rabino, guida spirituale del Torino Fc, ha concluso la presentazione della mostra "Settanta angeli in un unico cielo. Heysel e Superga tragedie sorelle" allestita a Melfi presso il museo civico di palazzo Donadoni. L'evento, organizzato dal locale Toro club "Gian Paolo Ormezzano", ha visto la partecipazione numerosa ed attenta, non solo di tifosi e sportivi ma anche di giovani calciatori appartenenti alle società As Melfi, F.T.S. Rionero, Venusia calcio, Atella Monticchio, "Peppe Sabino" Palazzo San Gervasio e Sport Melfi. Introdotti da Gianluca Tartaglia, presidente del Toro club Melfi, i lavori sono proseguiti con i saluti dell'assessore comunale al Patrimonio Alessandro Panico e del presidente del Comitato Regionale della Figc Piero Rinaldi. Tra gli interventi, quello di Giampaolo Muliari, direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata e curatore della mostra, "un messaggio di fratellanza sportiva ha detto di cui tutti abbiamo bisogno". Il giornalista Francesco Caremani, autore del libro "Heysel, la verità di una strage annunciata", ha detto "questa mostra è un seme di cultura sportiva nel fango del calcio italiano. E' un dovere portarla in giro per l'Italia e un onore averla portata a Melfi". Per Domenico Laudadio, custode del Museo Virtuale Multimediale www.saladellamemoriaheysel.it, le immagini della mostra sono "il messaggio più efficace e trasversale in grado di abbattere qualunque riserva o pregiudizio di sorta sulla sacralità della vita e sul rispetto del lutto al di sopra dei colori della propria fede". Il giornalista del Tg5 Beppe Gandolfo, che ha moderato l'incontro, è stato insignito del premio giornalistico "Cuore Granata". "Sono emozionato e sorpreso per il riconoscimento conferitomi dal Toro club di Melfi. Un premio che trovo quanto mai azzeccato perché "Il mio Toro, la mia missione" il libro con don Aldo Rabino è stato scritto proprio con il cuore". La mostra rimarrà aperta fino al 12 ottobre prossimo.

28 settembre 2014

Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno


Una mostra, aperta fino al 12 ottobre, organizzata dal Toro Club cittadino

Melfi ricorda le stragi di Superga e Heysel

MELFI "Con l'incontro odierno e con la mostra su Superga e Heysel stiamo facendo la storia, stiamo regalando alle generazioni future un'occasione per riflettere sul calcio, quello che è ma anche quello che dovrebbe essere. Soprattutto un gioco come recita l’acronimo Figc: lasciamo giocare i nostri ragazzi al pallone, altrimenti attueremo una forma di pedofilia nei loro confronti, quella di utilizzare i loro corpi per la nostra fame di vittorie e di successo". Con queste parole don Aldo Rabino, guida spirituale del Torino Fc ha concluso la presentazione della mostra "Settanta angeli in un unico cielo. Heysel e Superga tragedie sorelle" allestita a Melfi presso il museo civico di palazzo Donadoni. L'evento, organizzato dal locale Toro club "Gian Paolo Ormezzano", ha visto la partecipazione non solo di tifosi e sportivi ma anche di giovani calciatori appartenenti alle società As Melfi, Fts Rionero, Venusia calcio, Atella Monticchio, "Peppe Sabino" Palazzo San Gervasio e Sport Melfi. E' toccato, invece, a Giampaolo Muliari, direttore del Museo del Grande Torino e della Leggenda Granata e curatore della mostra, aprire. "Settanta angeli in un unico cielo" è un invito ad andare oltre; è un messaggio di fratellanza sportiva di cui tutti abbiamo bisogno. Per questo dico grazie, con tutto il cuore, a Melfi e alla sua gente per aver riproposto questa mostra, questo incontro, che ha il merito di ricordare a tutti noi che non esistono i nostri morti e i morti degli altri; i nostri Angeli e gli Angeli degli altri; Esiste solo un unico cielo che li abbraccia tutti". La mostra "Settanta angeli in un unico cielo. Heysel e Superga tragedie sorelle" rimarrà aperta fino al 12 ottobre prossimo.

28 settembre 2014

Fonte: Il Quotidiano

 

A Melfi la mostra "Settanta angeli in un unico cielo"

di Marina Beccuti

Le tragedie dell'Heysel e di Superga in una mostra fotografica e documentale.

Il Toro club di Melfi "Gian Paolo Ormezzano", in linea con la sua connotazione culturale, ospita la mostra "Settanta angeli in unico cielo. Heysel e Superga tragedie sorelle". Un allestimento che, alimentando la cultura del ricordo vuole favorire anche una nuova cultura sportiva. Un modo di vivere il calcio con passione, ma nel rispetto di chi la pensa diversamente da noi. Una mostra, dal forte impatto emotivo, che racconta la realtà dei fatti, legati a due tragedie accomunate dal dolore che hanno prodotto. E sono proprio la morte, il dolore, la pietà e la dignità umana oltre alla sacralità dei luoghi delle tragedie ad essere il filo conduttore di questo allestimento fotografico e documentale dalla forte connotazione educativa. Di fronte a drammatiche storie come quelle narrate in questa mostra non si può rimanere indifferenti. L'inaugurazione, in programma sabato 27 settembre 2014, alle ore 18 presso il Museo civico (Palazzo Donadoni) di Melfi, sarà preceduta da un incontro, moderato dal giornalista del Tg5 Beppe Gandolfo, al quale parteciperanno Domenico Beccaria, presidente dell’Associazione Memoria storica granata, Giampaolo Muliari direttore del Museo del Grande Torino e della leggenda Granata, Don Aldo Rabino, guida spirituale del Torino Fc, Francesco Caremani autore del libro "Heysel, la verità di una strage annunciata" e Domenico Laudadio curatore del sito "saladellamemoriaheysel.it". La mostra rimarrà aperta fino al 12 ottobre prossimo.

26 settembre 2014

Fonti: Melfilive.it – Torinofc.it - Torinogranata.it - La Gazzetta del Mezzogiorno - Il Quotidiano



La Mostra a Melfi

"Settanta angeli in un unico Cielo

Heysel e Superga tragedie sorelle"

Superga e Heysel, due tragedie sportive distanti nel tempo, distanti per cause, distanti per colori, ma unite in un unico evento "Settanta angeli in un unico Cielo" promosso dal Museo del Toro, dal sito saladellamemoriaheysel.it e da questo fine settimana anche dal Toro Club "GPO" di Melfi presieduto dal Presidente e carissimo amico Gianluca Tartaglia. Un evento che per chi ne ha la possibilità è davvero da non perdere. La mostra si terrà al Museo Civico Palazzo Donadoni di Melfi e verrà inaugurata sabato 27 Settembre alle ore 18 e durerà fino al 12 Ottobre 2014. All’inaugurazione oltre al Sindaco di Melfi Livio Valeriano e Gianluca Tartaglia presidente del Toro Club GPO, presenti illustrissime figure del panorama granata come Domenico Beccaria, Giampaolo Muliari, Don Aldo Rabino, il giornalista (padrino del Toro Club Piscinagranata) Beppe Gandolfo e molte altre ancora.

23 settembre 2014

Fonte: Piscinagranata.it




Bruxelles 29.05.1985 Superga 4.05.1949

In Memoria e Onore

Rocco Acerra   Arnaldo Agnisetta  Valerio Bacigalupo

Aldo Ballarin   Dino Ballarin   Bruno Balli

Cesare Biancardi   Andrea Bonaiuti   Émile Bongiorni

Alfons Bos    Giancarlo Bruschera    Renato Casalbore

Eusebio Castigliano    Andrea Casùla    Giovanni Casùla

Luigi Cavallero    Nino Cerullo    Willy Chielens

Ippolito Civalleri   Giuseppina Conti   Ottavio Cortina

Dirk Daeninckx    Celeste D’Inca    Egri Erbstein

Dionisio Fabbro    Rubens Fadini   Jaques François

Guglielmo Gabetto   Eugenio Gagliano    Francesco Galli

Giancarlo Gonnelli    Ruggero Grava    Giuseppe Grezar

Alberto Guarini   Giovacchino Landini   Leslie Lievesley

Ezio Loik    Roberto Lorentini    Barbara Lusci

Virgilio Maroso    Danilo Martelli    Franco Martelli

Gianni Mastroiaco    Sergio Bastino Mazzino

Valentino Mazzola    Romeo Menti   Pierluigi Meroni

Loris Messore   Piero Operto  Franco Ossola

Antonio Pangrazi   Luciano Rocco Papaluca    Luigi Pidone

Benito Pistolato    Patrick Radcliffe    Domenico Ragazzi

Antonio Ragnanese   Mario Rigamonti    Claude Robert

Mario Ronchi   Domenico Russo    Tarcisio Salvi

Gianfranco Sarto    Julius Schubert    Mario Spanu

Amedeo Giuseppe Spolaore    Renato Tosatti

Tarcisio Venturin    Jean Michel Walla    Claudio Zavaroni


www.saladellamemoriaheysel.it  by Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)