www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Abidjan 29.03.2009 Tragédie du stade Houphouët-Boigny"
  Pagine della Memoria     Morire di Calcio     Superga 4.05.1949     Tragedia Stadio "F.lli Ballarin"  
     
 

Tragedia ad Abidjan 22 morti allo stadio

Prima della gara di qualificazione ai Mondiali tra Costa d'Avorio e Malawi, vinta 5-0 da Drogba e compagni, un gruppo di tifosi, pur muniti di biglietto, ha tentato di forzare un passaggio per accedere allo stadio. La polizia ha risposto con lacrimogeni, e nella calca è successo il finimondo.

ABIDJAN (Costa D'Avorio) 29 marzo 2009 - Tragedia allo stadio Houphouët-Boigny di Abidjan. Il tutto prima della partita di qualificazione ai Mondiali tra Costa d'Avorio e Malawi, vinta da Drogba e compagni per 5-0. Secondo le prime notizie, un folto gruppo di tifosi muniti di biglietto avrebbe tentato di forzare un passaggio per accedere allo stadio. La polizia avrebbe risposto con gas lacrimogeni. Da qui un ulteriore, fatale parapiglia. I primi soccorsi sono stati prestati direttamente sul campo, poi la corsa in ospedale, organizzata da un'unità di crisi che alla fine ha deciso di far disputare la partita. BILANCIO - Deside Tagro, Ministro dell'Interno della Costa d'Avorio ha in seguito annunciato attraverso i canali della tv di Stato che allo stadio di Abidjan sarebbero morte 22 persone, mentre i feriti sarebbero 132.

29 marzo 2009

Fonte: Gazzetta.it

Qualificazioni ai mondiali 2010, l'incidente durante la gara contro il Malawi.

Costa d'Avorio, ressa allo stadio. Almeno 22 morti. In 50mila sugli spalti

Il crollo di una parete divisoria avrebbe provocato il fuggi fuggi mortale.

ABIDJAN - Almeno 22 persone sono morte nella ressa allo stadio Houphouet-Boigny di Abidjan, durante la partita di calcio della nazionale della Costa d’Avorio contro il Malawi, match valido per la qualificazione ai mondiali del 2010. Lo si è appresso da fonti mediche. CALCA MORTALE - Stando alle prime informazioni, quasi 50mila spettatori avevano preso posto nello stadio, dove la Costa d’Avorio si è imposta 5-0 (reti di Romaric, doppietta di Drogba, Kalou e Konè). Una parete divisoria è crollata, causando un primo movimento di folla. La polizia avrebbe in seguito sparato gas lacrimogeni e il movimento sarebbe degenerato in un fuggi fuggi mortale.

29 marzo 2009

Fonte: Corriere.it

Crolla muro allo stadio 19 morti in Costa d'Avorio

La tragedia provocata dal panico scatenatosi fra gli spettatori della partita fra la nazionale locale e il Malawi.

ABIDIJAN (Costa d'Avorio) - In Costa d'Avorio è di almeno 19 morti il bilancio del panico diffusosi nello stadio di calcio della capitale Abidjan dopo il crollo di un muro durante la parità fra la Costa d'Avorio e il Malawi. Le due nazionali si stavano confrontando in una partita valida per la qualificazione ai Mondiali di calcio del 2010 in Sud Africa. Lo riferiscono fonti mediche locali. Quasi 50mila spettatori avevano preso posto nello stadio, dove la Costa d'Avorio si è imposta 5-0 (reti di Romaric, doppietta di Drogba, Kalou e Konè). Secondo le prime informazioni, una parete divisoria è crollata, causando un primo movimento di folla. La polizia avrebbe in seguito sparato gas lacrimogeni e il movimento sarebbe degenerato in un fuggi-fuggi mortale.

29 marzo 2009

Fonte: Repubblica.it

Fotografia: Ilgiornale.it

Ressa allo stadio: 22 i morti

È successo in Costa d'Avorio

È di almeno 22 morti e 132 feriti il bilancio dell'incidente avvenuto allo stadio Houphouet-Boigny di Abidjan alla fine di Costa d'Avorio e Malawi, gara valida per le qualificazioni ai Mondiali del 2010. Secondo le prime informazioni, il crollo di un muro ha provocato un repentino spostamento di un gruppo di spettatori. A quel punto la polizia ha usato gas lacrimogeni. Ne è derivato un fuggi fuggi che ha provocato la strage. La gara si era chiusa con la vittoria della Costa d'Avorio per 5-0. "Ventidue persone sono morte e centinaia sono rimaste ferite, di cui alcune in modo grave", ha aggiunto una fonte. I feriti hanno ricevuto le prime cure nell'infermeria dello stadio, quindi sono stati trasportati nel centro ospedaliero di Treichville (quartiere popolare di Abidjan) e all'ospedale militare. Una riunione d'emergenza tra la Federazione ivoriana di calcio e i ministeri dell'Interno e dello Sport si è poi tenuta in serata per accertare le responsabilità della tragedia.

29 marzo 2009

Fonte: Sportmediaset.mediaset.it

Drogba-gol nella tragedia: 22 morti allo stadio

ABIDJAN - Tragedia in Costa d' Avorio: 22 persone sono morte e 132 sono rimaste ferite nello stadio di Abidjan. Prima della gara di qualificazione al Mondiale 2010 tra la nazionale ivoriana e il Malawi (finita 5-0 con due gol di Drogba), l’impianto è stato occupato da 50.000 persone, troppe visto che la capienza regolare non supera le 35.000 unità. Numerosi spettatori in possesso di biglietto avrebbero forzato un passaggio per entrare nello stadio: per disperderli, la polizia ha usato gas lacrimogeni provocando il panico. Da qui la ressa, fatale per 22 tifosi, aggravata anche dal crollo di un muro. Heysel e Lima - La mente torna alle tante tragedie da stadio della storia. Il 29 maggio 1985, durante la finale di Coppa dei Campioni tra Liverpool e Juventus, morirono 39 persone (32 italiane) per la ressa causata da una carica dei tifosi inglesi. Qui però si parla di scontri, come nel 1964 a Lima, in Perù: la guerriglia tra polizia e tifosi causò 320 morti e oltre 1.000 feriti. Gli altri casi più simili gli incidenti di Mosca nel 1982 e Città del Guatemala nel 1996. In Russia fu il crollo di una balaustra durante la partita di Uefa tra Spartak e Harleem a causare la morte di 340 persone. In Guatemala, invece, 83 persone furono vittima della ressa - proprio come ad Abidjan - nel tentativo di entrare allo stadio. Purtroppo, in queste cronache spesso è stata coinvolta anche l’Africa. Il precedente è del 2001, quando ad Accra, in Ghana, la polizia si scontrò con i tifosi. Allora le vittime furono 123, e anche ad Abidjan c' è la sensazione che il conto dei morti sia da aggiornare ora per ora.

30 marzo 2009

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Ressa allo stadio, 19 morti durante Costa d' Avorio-Malawi

ABIDJAN - Drammatiche immagini che hanno fatto il giro del mondo, scattate allo stadio Houphouet-Boigny di Abidjan dove la Costa d' Avorio era impegnata in un match di qualificazione mondiale contro il Malawi (5-0). Sono almeno 19 le persone morte ieri per una ressa al termine del match. Dopo il crollo di un muretto la polizia sarebbe intervenuta con i lacrimogeni. La caotica fuga dei tifosi avrebbe poi provocato la strage.

30 marzo 2009

Fonte: La Repubblica

Fotografie: Theguardian.com - Lefaso.net

Tragedia ad Abidjan Inchiesta della Fifa

ABIDJAN (Costa d' Avorio) - Il giorno dopo la tragedia è quello del triste conteggio delle vittime e della ricerca delle responsabilità. Gli incidenti legati a Costa d' Avorio-Malawi, valida per le qualificazioni al Mondiale hanno provocato 19 morti accertati, di cui 2 bambini (10 e 14 anni). Ma secondo altre stime le vittime sarebbero 22. Accuse - Le ricostruzioni portano a una doppia causa: da una parte l’affollamento fuori dallo stadio, con migliaia di persone che volevano entrare, nonostante molti non avessero il biglietto; dall' altra errori e corruzione della polizia. Secondo i presenti, molti possessori di biglietti erano rimasti fuori, mentre la sicurezza faceva entrare "portoghesi" in cambio di piccole somme. Il caos sarebbe scoppiato quando, per disperdere la folla, gli agenti hanno sparato lacrimogeni: la gente per scappare ha spinto e provocato la caduta del muro che ha causato la tragedia. Comportamenti "negligenti e contro le procedure di sicurezza", come dichiarato da Anzouan Kacou, membro della Federcalcio ivoriana. E mentre il presidente della Costa d' Avorio ha proclamato tre giorni di lutto nazionale, il Primo Ministro Soro ha annunciato indagini e punizioni, come la Fifa attraverso le parole del presidente Blatter, che annuncia un’inchiesta: "Condoglianze ai parenti delle vittime. Lavoreremo col governo del paese per stabilire le responsabilità". Alle frasi di dolore si è aggiunto Touré, centrocampista del Barcellona, ieri assente: "E' una tragedia, una prova molto dura per tutti noi". I suoi compagni in campo hanno comunque giocato e vinto 5-0. Drogba spiega: "Abbiamo saputo quello che è successo la sera dopo. È un dramma nazionale, bisogna prenderlo come una lezione".

31 marzo 2009

Fonte: La Gazzetta dello Sport

Fotografia: Calcioblog.it
 
     
www.saladellamemoriaheysel.it  Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)