Privacy Policy Cookie Policy
ARTICOLI OTTOBRE-DICEMBRE 2017
www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE-DICEMBRE 2017
   Articoli 2017    Stampa e Web    Testimonianze    Interviste     Bibliografia     Epistolario  
OTTOBRE-DICEMBRE 2017
ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017

Vergogna a Bruxelles, bidoni e cassonetti sotto la targa che ricorda i 39 angeli...

Juventus, oltraggiati gli angeli dell'HeyselVergogna a Bruxelles

Heysel, altra ferita per il tifo bianconero: bidoni dell'immondizia sotto la lapide

Spazzatura sotto la targa per i 39 dell’Heysel

Infangata (come se ce ne fosse il bisogno) la memoria dei morti dell’Heysel

VERGOGNA A BRUXELLES: deposito d'immondizia sotto la lapide dell'Heysel

Una sfilza di bidoni dell'immondizia sotto la targa dei morti dell'Heysel

Bruxelles, deposito di bidoni dell'immondizia sotto la lapide per i morti dell'Heysel

Cirio scrive al sindaco di Bruxelles: "Via i cassonetti dei rifiuti sotto la lapide..."

Juventus, bidoni sotto la lapide dell'Heysel. La denuncia dell'europarlamentare Cirio

Heysel, sotto alla targa commemorativa della tragedia un deposito di bidoni: sfregio...

Bidoni della spazzatura sotto la lapide per i morti dell'Heysel: il sindaco di Bruxelles si scusa

Cirio: "Via i cassonetti di immondizia sotto alla targa delle vittime della tragedia dell'Heysel"

Heysel: il sindaco di Bruxelles si scusa con Cirio per la "spiacevole ed inopportuna situazione"

Bruxelles: bidoni della spazzatura sotto la lapide delle vittime dell'Heysel

Bruxelles, rimossi i cassonetti sotto la lapide dei morti dell'Heysel

Così il Belgio è ricaduto nella trappola dell'Heysel

Bruxelles, tolti i cassonetti sotto la targa per le vittime dell'Heysel

Iuliana Bodnari: "Non solo Anna Frank, vittime dell'Heysel denigrate e calpestate...

ARTICOLI STAMPA e WEB NOVEMBRE 2017

-

ARTICOLI STAMPA e WEB DICEMBRE 2017

Verona-Juventus, tifosi gialloblu cantano cori anti-Napoli e sull’Heysel

Vergogna a Bruxelles, bidoni e cassonetti

sotto la targa che ricorda i 39 angeli dell'Heysel

Laudadio: "Ennesimo oltraggio, pensano di nascondere sangue innocente con cemento e immondizia".

Una distesa di bidoni  e cassonetti dell'immondizia posizionati sotto la targa che ricorda i 39 morti del 29 maggio ’85, a Bruxelles. La denuncia arriva dal Museo Virtuale Multimediale www.saladellamemoriaheysel.it, gestito da anni con passione da Domenico Laudadio. "Stade "Roi Baudouin" (HEYSEL) 29.09.2017: "Il lupo perde il pelo, ma non il vizio"... VERGOGNA BRUXELLES !!! Recidivi, si legge nella pagina facebook della stessa Sala della Memoria che sottolinea purtroppo come atti vergognosi di questo tipo, che offendono, appunto, la memoria dei 39 angeli dell'Heysel, si siano verificati anche in passato. Contattato da Tuttojuve.com, Domenico Laudadio ha espresso tutto il suo disappunto per l'ennesimo oltraggio: "A Bruxelles pensano davvero che il cemento possa aver nascosto il sangue innocente del 29.05.1985 ristrutturando quel vecchio catino fatiscente dell’Heysel nel quale 39 cittadini della comunità europea (32 italiani, 4 belgi, 2 francesi, 1 irlandese) persero la vita per mano degli hooligans inglesi ed a causa d’imperdonabile miopia organizzativa dell’Uefa e delle omissioni nella gestione dell’ordine pubblico dei belgi - attacca il "custode" del Museo Virtuale Multimediale saladellamemoriaheysel.it. Lo pensano a tal punto che sono passati addirittura dal cemento all’immondizia in un luogo dove, transennato, andrebbero posati soltanto fiori. Cronologicamente distanti dalle fanfare e dai visi contriti delle cerimonie ufficiali degli anniversari di maggio al Comune di Bruxelles non sembra tanto uno sfregio allineare una lunghissima serie di bidoni verdi sullo stesso posto dove i martiri dell’Heysel giacevano privi di vita nel giorno della grande vergogna del calcio Europeo. Non si pensa al dolore che questa immagine può arrecare a chi è orfano di un affetto senza ritorno. Di questo ennesimo oltraggio ho informato personalmente Andrea Lorentini, il Presidente dell’Associazione dei Familiari delle vittime. La memoria è per prima cosa rispetto e va tutelata in ogni dove, è una questione di sensibilità, ma nel caso specifico di Bruxelles, sarebbe come pretendere di insegnare il valzer a un somaro. VERGOGNA, +39 RISPETTO !", ha concluso Domenico Laudadio.

2 ottobre 2017

Fonte: Tuttojuve.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Juventus, oltraggiati gli angeli dell'Heysel

Vergogna a Bruxelles

La targa dei morti juventini "accerchiata" dai bidoni dell'immondezza.

di Elvira Erbì

TORINO - Senza parole. I bidoni dell’immondezza che "assediano" la targa a ricordo dei 39 angeli che hanno perso la vita il 29 maggio 1985 a Bruxelles sotto la furia degli hooligans. Senza parole, davvero. La foto è postata da www.saladellamemoriaheysel.it che tiene vivo il ricordo di quella tragica serata (Juventus-Liverpool, la Champions più triste e dolorosa per i tifosi bianconeri). "Stade "Roi Baudouin" (HEYSEL) 29.09.2017: "Il lupo perde il pelo, ma non il vizio"... VERGOGNA BRUXELLES !!!", si legge. Un’immagine che colpisce per l’assenza di sensibilità da parte delle autorità del luogo, fors’anche dei gestori dell’impianto. Senza parole…

3 ottobre 2017

Fonte: Tuttosport.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

 Heysel, altra ferita per il tifo bianconero:

bidoni dell'immondizia sotto la lapide

L'infelice sistemazione ritratta in una immagine che sta facendo il giro del web.

Brutto episodio dal Belgio, o in ogni caso una infelice scelta logistica nell'organizzazione dello Stadio Baldovino II, o come più tristemente famoso stadio Heysel. Probabilmente una iniziativa involontaria, ma sta facendo il giro della rete l'oltraggiosa sistemazione dei bidoni dell'immondizia proprio sotto la targa commemorativa delle 39 vittime della violenza degli hooligans del Liverpool nella finale di coppa dei Campioni del 1985. Una immagine prontamente rilanciata dal sito della Sala della Memoria Heysel, e ripresa da Tuttosport.

3 ottobre 2017

Fonte: Fantagazzetta.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Spazzatura sotto la targa per i 39 dell’Heysel

A Bruxelles sono stati posizionati cassonetti sotto la targa che ricorda la tragedia del 1985.

Tutti ricordano quanto avvenuto a Bruxelles il 29 maggio del 1985. Una delle pagine più brutte della storia dello sport, con 39 tifosi della Juventus che persero la vita. Dalla pagina Facebook di www.saladellamemoriaheysel.it arriva la segnalazione: la targa che ricorda la tragedia dell’Heysel è stata "incorniciata" dall’immondizia. Un vero oltraggio alla memoria delle vittime, che secondo la stessa pagina non sarebbe nemmeno il primo.

2 ottobre 2017 

Fonte: Juvenews.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Infangata (come se ce ne fosse il bisogno) la memoria dei morti dell’Heysel

di Andrea Rotella

A Bruxelles è stato allestito un deposito di bidoni dell’immondizia sotto la lapide per i morti dello stadio Heysel.

Decisamente il posto sbagliato, all’esterno dell’impianto dell’Heysel, dove ammassare decine di bidoni dell’immondizia. Uno schiaffo vero e proprio alla memoria delle 39 vittime (in grandissima parte tifosi bianconeri) che il 29 maggio del 1985 persero la vita poco prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Per alcuni potrà sembrare un’inezia, un dettaglio, ma appare davvero indecoroso aver piazzato, perfettamente allineati, una fila di secchioni sotto la lapide (installata 12 anni fa) che li ricorda. L’eurodeputato piemontese Alberto Cirio ha mandato al sindaco della capitale belga la foto dove sono in bella mostra, definendo una "scelta indecorosa", con la quale "si manca di rispetto alle 39 vittime e ai familiari", quella di piazzare proprio in quel posto i bidoni. Cirio ha richiesto anche l’immediata rimozione dei secchioni dicendosi certo che il primo cittadino di Bruxelles "vorrà adottare gli accorgimenti opportuni per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". A volte, diceva anni fa un famoso critico, la forma è sostanza. E stavolta siamo in presenza di uno di quei casi.

9 ottobre 2017

Fonte: Lultimaribattuta.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

VERGOGNA A BRUXELLES: deposito d'immondizia sotto la lapide dell'Heysel

Una vera vergogna. A Bruxelles, sotto la lapide che commemora i morti della tragedia dell'Heysel ora c'è un deposito d'immondizia. La targa commemorativa, che è stata inaugurata il 29 maggio 2005, in occasione del ventennale di quella dolorosa finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool in cui morirono 39 tifosi bianconeri, non è corredata come di consueto da fiori e candele, ma da un serie di bidoni verdi della spazzatura. Una scena raccapricciante e spregevole, che l'eurodeputato Alberto Cirio ha fotografato e che ha fatto il giro del web, in allegato al suo commento: "Scelta indecorosa, si manca di rispetto alle 39 vittime e ai familiari". Lo stesso Cirio, ha poi scritto una lettera al Sindaco della città belga, Philippe Close: "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia, oltre a ritenerlo indecoroso penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari. Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". Un fatto spiacevole, una scena indegna.

9 ottobre 2017

Fonte: Ilbianconero.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Una sfilza di bidoni dell'immondizia sotto la targa dei morti dell'Heysel

L'eurodeputato Alberto Cirio ha denunciato l'accaduto al sindaco di Bruxelles: accostamento indecoroso. Il 29 maggio del 1985 morirono nello stadio belga 39 tifosi, soprattutto juventini.

Una lettera piccata quella dell'eurodeputato di Forza Italia, Alberto Cirio al sindaco di Bruxelles. L'onorevole, che è nato a Torino, ha scoperto che sotto la targa che commemora le 39 vittime della strage dell'Heysel nella capitale belga, sono apparsi una serie consistente di bidoni dell'immondizia, un vero deposito. Un accostamento "indecoroso e inopportuno" secondo l'eurodeputato Alberto Cirio, che ha chiesto che quel alloggiamento per la spazzatura sia trasferito altrove, allegando una foto pubblicata dal gruppo Facebook "Quelli di... via Filadelfia" e rilanciata da altri siti del tifo juventino. "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia - scrive Cirio al primo cittadino di Bruxelles, Philippe Close - oltre a ritenerlo indecoroso penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari. Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni - prosegue l'eurodeputato, che ha organizzato le ultime due cerimonie di commemorazione della tragedia - per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". La lapide all'interno dello stadio "Re Baldovino" è stata inaugurata nel 2005 in occasione del ventennale degli incidenti gravissimi che si verificarono il 29 maggio del 1985.

9 ottobre 2017

Fonte: Globalist.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Bruxelles, deposito di bidoni dell'immondizia

sotto la lapide per i morti dell'Heysel

di Mariachiara Giacosa

L'eurodeputato piemontese Alberto Cirio manda la foto al sindaco della capitale belga: "Scelta indecorosa, si manca di rispetto alle 39 vittime e ai familiari".

Bidoni dell'immondizia, un vero deposito, sotto la targa di commemorazione delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel. Un accostamento "indecoroso e inopportuno" secondo l'eurodeputato Alberto Cirio, che ha scritto una lettera al sindaco di Bruxelles per chiedere che quel deposito sia trasferito altrove, allegando una foto pubblicata dal gruppo Facebook "Quelli di... via Filadelfia" e rilanciata da altri siti del tifo juventino. "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia - scrive Cirio al primo cittadino di Bruxelles, Philippe Close - oltre a ritenerlo indecoroso penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari". "Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni - prosegue l'eurodeputato, che ha organizzato le ultime due cerimonie di commemorazione della tragedia - per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". La lapide all'interno dello stadio "Re Baldovino" è stata inaugurata nel 2005 in occasione del ventennale degli incidenti che si verificarono il 29 maggio del 1985, poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool, e che causarono 39 vittime, in grandissima parte tifosi bianconeri.

9 ottobre 2017

Fonte: Torino.repubblica.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Cirio scrive al sindaco di Bruxelles: "Via i cassonetti

dei rifiuti sotto la lapide per le vittime dell’Heysel"

L’europarlamentare albese: "Mancanza di rispetto verso tifosi deceduti e familiari".

Bruxelles - L’eurodeputato Alberto Cirio ha inviato una lettera al sindaco di Bruxelles, Philippe Close, per denunciare la presenza di bidoni dell’immondizia sotto la lapide che ricorda le vittime della tragedia dell’Heysel: il 29 maggio 1985 39 tifosi, la maggior parte italiani, morirono poco prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool per il cedimento di un settore dello stadio nella capitale belga. La pubblichiamo di seguito. "Egregio signor sindaco, come lei ben sa lo stadio "Re Baldovino" di Bruxelles è tristemente noto in Italia per i tragici fatti del 1985. Da due anni sono onorato di organizzare, nella mia veste di parlamentare europeo, una cerimonia di commemorazione dei tifosi deceduti in quell’occasione ed ho sempre trovato nei suoi uffici la massima collaborazione.  Tuttavia, recentemente mi hanno fatto notare che sotto la lapide commemorativa che riporta i nomi delle 39 persone che hanno perso la vita, sostano i cassonetti dell’immondizia. Oltre a ritenerlo indecoroso, penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro familiari. Mi sono permesso di segnalarle la cosa certo che vorrà prenderla in seria considerazione ed adottare gli accorgimenti che riterrà opportuni al fine di garantire il dovuto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così triste della nostra storia sportiva recente". 

9 Ottobre 2017

Fonte: Lastampa.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Juventus, bidoni sotto la lapide dell'Heysel

La denuncia dell'europarlamentare Cirio

Lettera al sindaco di Bruxelles: "Una posizione inopportuna e indecorosa che manca di rispetto alle famiglie e alla memoria delle persone che persero la vita il 29 maggio del 1985".

TORINO - L'europarlamentare Alberto Cirio ha scritto al sindaco di Bruxelles, Philippe Close, per denunciare la presenza di bidoni dell'immondizia sotto la lapide delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel. "Una posizione inopportuna e indecorosa - sottolinea Cirio - che manca di rispetto alle famiglie e alla memoria delle persone che persero la vita il 29 maggio del 1985, poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool". LE SCUSE DEL SINDACO - Si scusa il sindaco di Bruxelles, Philippe Close, per la presenza di bidoni dell'immondizia sotto la lapide delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel. Lo riferisce l'eurodeputato Alberto Cirio che ieri aveva denunciato il fatto. Il sindaco si scusa per l'accaduto, affidando all'assessore allo Sport, Alain Courtois, il compito di verificare e risolvere la situazione, che giudica egli stesso inopportuna.

10 ottobre 2017

Fonte: Tuttosport.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Orrore

Heysel, sotto alla targa commemorativa della tragedia

un deposito di bidoni: sfregio alle vittime Juventine

Orrore che si aggiunge a orrore. Sotto alla targa di commemorazione delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel, quasi tutti italiani e juventini, è stato allestito un deposito di bidoni dell'immondizia. La denuncia, da Bruxelles, arriva dall'eurodeputato Alberto Ciro, che ha scritto una lettera al sindaco della città per chiedere che i bidoni siano trasferiti altrove. Inoltre, ha scattato una foto che in breve è divenuta virale. "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia - scrive Cirio al primo cittadino di Bruxelles, Philippe Close. Oltre a ritenerlo indecoroso penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari. Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni - prosegue l'eurodeputato, che ha organizzato le ultime due cerimonie di commemorazione della tragedia - per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". La lapide, all'interno dello stadio Re Baldovino, era stata inaugurata nel 2005, in occasione del ventennale della tragedia, che risale al 29 maggio 1985: poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool, a causa dei disordini scatenati dagli hooligans, morirono schiacciate nella calca 39 persone.

10 Ottobre 2017

Fonte: Liberoquotidiano.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Bidoni della spazzatura sotto la lapide per i morti

dell'Heysel: il sindaco di Bruxelles si scusa

Dopo la denuncia dell'eurodeputato italiano Cirio.

di Mariachiara Giacosa

Si scusa il sindaco di Bruxelles, Philippe Close, per la presenza di bidoni dell'immondizia sotto la lapide delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel. Lo riferisce l'eurodeputato Alberto Cirio che ieri aveva denunciato il fatto. Il sindaco si scusa per l'accaduto, affidando all'assessore allo Sport, Alain Courtois, il compito di verificare e risolvere la situazione, che giudica egli stesso inopportuna. Cirio aveva scritto ieri al sindaco di Bruxelles per la "posizione inopportuna e indecorosa" dei bidoni che "manca di rispetto alle famiglie e alla memoria delle persone che persero la vita il 29 maggio 1985, poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool".

10 ottobre 2017

Fonte: Torino.repubblica.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Cirio: "Via i cassonetti di immondizia sotto

alla targa delle vittime della tragedia dell'Heysel"

"E' indecoroso": l'eurodeputato albese ha scritto una lettera al sindaco di Bruxelles.

Uno squallore. Un becero e totale irrispetto di quei 39 tifosi della Juventus che in quella che avrebbe dovuto essere un’altrimenti sana serata di sport e di tifo da consumarsi a Bruxelles hanno invece perso la vita schiacciati da una calca inenarrabile di tifosi "impazziti" e senza alcun controllo. Accadde il 29 maggio del 1985, a Bruxelles, poco prima dell'inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Nei mesi scorsi il Parlamento Europeo aveva deposto davanti alla targa che ricorda quei tragici fatti due corone di fiori per non dimenticare le 39 vite spezzate ed una rosa bianca per Erika Pioletti, la giovane donna vittima del panico che ha travolto Piazza San Carlo, a Torino, durante la finale di Champions League, ad inizio giugno scorso. In quel luogo venne affissa una lapide, con incisi i nomi di tutte le vittime: "Per anni qui a Bruxelles si è voluto dimenticare - disse in quella circostanza l’eurodeputato Alberto Cirio - quasi a negare le responsabilità per quanto era successo. Il nostro impegno sarà quello di ricordare. Perché ciò che è avvenuto recentemente a Torino (Piazza San Carlo: ndr) dimostra, purtroppo, che il tema della sicurezza negli eventi sportivi è ancora oggi di forte attualità". Passata la festa, poi, ecco l’immancabile "gabbatura" del Santo, con una serie di cassonetti dell'immondizia posizionati - con la sensibilità di un elefante - sotto la targa di commemorazione delle 39 vittime della tragedia dell'Heysel. Ed ecco allora l'eurodeputato albese Alberto Cirio scrive retto al primo cittadino di Bruxelles, Philippe Close per, per chiedere che vengano rimossi. "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia: oltre a ritenerlo indecoroso - scrive Cirio - penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari". "Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni - prosegue l'eurodeputato, che ha organizzato le ultime due cerimonie di commemorazione della tragedia - per garantire il giusto rispetto ad un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". Alberto Cirio chiede quindi che quel deposito di rifiuti, sia trasferito altrove, allegando una foto pubblicata dal gruppo Facebook "Quelli di... via Filadelfia" e rilanciata da altri siti del tifo juventino.

10 ottobre 2017

Fonte: Torinosportiva.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Heysel, il sindaco di Bruxelles si scusa con Cirio

per la "spiacevole ed inopportuna situazione"

Il primo cittadino ha affidato all’assessore allo Sport, Alain Courtois, il compito di verificare e risolvere la situazione dei cassonetti dell’immondizia posizionati sotto alla lapide che ricorda i 39 morti dell’Heysel.

Dopo la lettera dell’eurodeputato albese Alberto Cirio, giunge quest’oggi (martedì) la risposta del sindaco di Bruxelles, Philippe Close, in merito alla presenza di bidoni dell’immondizia sotto la lapide delle 39 vittime della tragedia dell’Heysel. Il sindaco si è scusato per l’accaduto, affidando all’assessore allo Sport, Alain Courtois, il compito di verificare e risolvere la situazione, che egli stesso giudica inopportuna. "Ho preso nota della sua lettera - scrive Close - che ho inviato immediatamente al mio collega Alain Courtois, assessore con delega dello sport. Attiro la sua attenzione in merito a questa spiacevole ed inopportuna situazione. Voglia credere, signor deputato del Parlamento europeo, alla mia assoluta buona fede". Firmato, il sindaco Philippe Close. "Verificheremo che quanto accaduto non si ripeta" conclude l’eurodeputato Alberto Cirio. R.G.

10 ottobre 2017

Fonte: Torinosportiva.it

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Bruxelles: bidoni della spazzatura sotto la lapide delle vittime dell'Heysel

di Daniele Fantini

La denuncia attraverso un tweet dell'Europarlamentare Alberto Cirio: "Una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari".

Un tweet dell'Europarlamentare Alberto Cirio denuncia la surreale situazione venutasi a creare a Bruxelles, dove un gruppo di bidoni verdi dell'immondizia sono stati ammassati sotto la targa che ricorda le 39 vittime della strage dell'Heysel. L'Europarlamentare ha annunciato, sempre attraverso twitter, di aver contattato il sindaco della città belga perché intervenga. "Sotto la lapide commemorativa sostano i cassonetti dell'immondizia: oltre a ritenerlo indecoroso, penso sia una mancanza di rispetto nei confronti delle vittime e dei loro famigliari. Sono certo che vorrà adottare gli accorgimenti opportuni per garantire il giusto rispetto a un monumento che ricorda un momento così tragico della nostra storia sportiva recente". Il 29 maggio 1985, in occasione della finale di Champions League tra Juventus e Liverpool disputatasi allo stadio Heysel di Bruxelles, 39 tifosi persero la vita a causa del crollo di una parte delle tribune, collassate sotto il peso delle persone ammassatesi per fuggire dalle cariche degli hooligans inglesi: 32 di queste vittime erano italiane. La Juventus vinse poi la partita 1-0 giocata in un clima surreale, grazie a un rigore trasformato da Michel Platini.

10 ottobre 2017

Fonte: Eurosport.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Bruxelles, rimossi i cassonetti sotto la lapide dei morti dell'Heysel

di Rosa Doro

Negli ultimi giorni ha fatto molto parlare la presenza di decine di cassonetti posizionati sotto la targa che ricorda i 39 morti del 29 maggio 1985 a Bruxelles. La redazione di Tuttojuve.com aveva denunciato l'oltraggio il 2 ottobre scorso, raccogliendo lo sfogo di Domenico Laudadio, che da anni cura il Museo Virtuale Multimediale www.saladellamemoriaheysel.it. Il sindaco della città belga ha cercato immediatamente di scusarsi per un fatto indecoroso che sottolineava una vera e propria mancanza di rispetto per le famiglie dei morti e per la memoria delle persone scomparse e come documentano le foto scattate dal collega di Sportal, Andrea Gussoni i cassonetti sono stati finalmente rimossi.

11 ottobre 2017

Fonte: Tuttojuve.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Così il Belgio è ricaduto nella trappola dell'Heysel

di Marco Bernardini

Da Magritte a Rubens e dalla Yourcenar a Simenon e, per non parlare di Carlo Magno, non è possibile dire che il Belgio sia stato avaro di personaggi importanti. Lo stesso sport, in particolare il ciclismo, ha regalato al mondo figure di primissimo piano nate sia nelle Fiandre che nel Vallone. Un popolo, quello belga, che solamente i francesi hanno sempre ritenuto intellettualmente "inferiore" e di fatto assolutamente provinciale. Noi italiani con il Belgio abbiamo un rapporto piuttosto stretto per via specialmente della storia legata alla nostra emigrazione negli anni in cui migliaia di nostri connazionali erano costretti ad abbandonare la loro terra di origine per andare a lavorare nelle miniere di carbone sparse soprattutto intorno a Liegi. Un’italiana, donna Paola moglie di re Baldovino, fu addirittura regina di quel Paese. Il cantante Adamo era figlio del nostro profondo Sud. ll cioccolato belga, insieme con quello piemontese, è tra i più apprezzati al mondo e la sua lavorazione venne esportata proprio da Torino. Insomma, per questi e altri motivi, il fil rouge che unisce Belgio e Italia dovrebbe essere davvero solido e ben difeso. Salvo poi doversi confrontare con certe "distrazioni" da parte dei belgi che fanno a cazzotti con il riguardo da loro dovuto nei confronti del nostro Paese e di una precisa storia. Diciamo che sono "sfigati" perché sono nuovamente ricaduti in quella "trappola" la cui esistenza ciascun belga non avrebbe mai dovuto dimenticare e che si chiama Heysel. A tutti noi italiani, non soltanto agli juventini, il solo fatto di dover pronunciare quel nome mette i brividi. Lo stadio che divenne luogo di mattanza e tempio di cordoglio planetario il quale non esiste più come struttura ma che resiste nel ricordo di ciascuno. Allorchè venne abbattuto, anche per stemperare un poco i sensi di colpa delle autorità del Belgio giustamente accusate di sottovalutazione e di faciloneria organizzativa, e poi ricostruito con nuovo nome all’esterno di quella che era stata la "Curva Z" venne installata una targa "per non dimenticare" con incisi tutti i nomi delle povere vittime. Si poteva presumere che, sotto quella stele, vi fossero da allora e sempre fiori freschi forniti dal comune di Bruxelles. Macché. Un europarlamentare italiano in visita allo stadio ha notato con sconcerto che proprio sotto la targa si trovavano allineati un numero esagerato di cassonetti per la raccolta della spazzatura. Non perché il "caso" fosse di gravità eccezionale ma certamente di "buon riguardo e creanza" il nostro rappresentante a Bruxelles s’è affrettato a rendere pubblica la cosa con il supporto di circostanziate fotografie. Ieri, dopo quarantotto ore dalla "denuncia", i cassonetti sono scomparsi da sotto la targa di quelle che furono anche la tragedia dello stesso Belgio oltreché la vergogna degli hooligans inglesi. Sicuramente uno spregio non voluto, ma che si poteva tranquillamente evitare da parte dell’amministrazione comunale belga con un pizzico di maggiore attenzione e con una dose maggiore di conoscenza della propria storia.

11 ottobre 2017

Fonte: Ilbianconero.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Bruxelles, tolti i cassonetti sotto la targa per le vittime dell'Heysel

Dopo la vergogna dei cassonetti posizionati sotto la targa in memoria dei 39 morti dello stadio Heysel (omissis), il sindaco di Bruxelles ha voluto rimediare ad una situazione a dir poco incommentabile. "Una posizione inopportuna e indecorosa, che manca di rispetto alle famiglie e alla memoria delle persone che persero la vita il 29 maggio del 1985, poco prima dell’inizio della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool", ha dichiarato il primo cittadino della città belga, con l'amministrazione che si è messa oggi in moto per rimuovere i cassonetti.

11 ottobre 2017

Fonte: Ilbianconero.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

denigrate e calpestate. Perché nessuno ferma mattatoio ?"

Sulle colonne di Tuttojuve.com, interviene sul caso Anna Frank, Iuliana Bodnari, presidente e fondatrice del "Comitato Per Non Dimenticare Heysel Reggio Emilia". Ecco il suo sfogo:

"Devo ammettere che dall'affaire "bidonate" sotto la targa commemorativa allo Stadio Heysel - anche se in tanti preferiscono un altro nome, questo rimarrà per sempre Heysel - la situazione è talmente degenerata che è ingestibile. Ogni giorno altri fatti incresciosi e stavolta è toccato a lei, l'eroina teenager Anna Frank. Sono giorni che tutti mi dicono che la Shoah è un fatto diverso, invece non lo è. Perché persone che perdono la vita per mano altrui sono uguali, sono vittime. Tutti a recitare brani del suo diario, indossare la maglietta con il suo sorriso smagliante, va bene per sensibilizzare, con tanto di scritta No all’Antisemitismo, ma la storia continua a ripetersi senza dare i frutti aspettati. No al Razzismo ma tutte le domeniche si sentono i buuu razzisti e qualcuno è mai intervenuto per davvero ? Non mi pare. A Firenze le vignette allo stadio, sui segnali stradali, ovunque, qualcuno ha mai detto o fatto qualcosa ? Non mi pare proprio. Anzi, nessuno è mai sceso sul campo con la maglietta +39 RISPETTO e come mai ? Perché no ? Sono denigrati, calpestati per l'ennesima volta, senza pace per le loro anime e nessun minuto di silenzio in loro memoria. Sono state dette fiumi di parole, è stato come una valanga, interrogazioni parlamentari, ma mai nessuno fino adesso che si è alzato in piedi, mai nessuno ha alzato la voce, mai nessuno che si prenda la coscienza a due mani e dica che è giunta l'ora di fare giustizia per tutte queste persone che non ci sono più, uno che abbia il coraggio di porre fine alle parole per passare ai fatti. Tutto quello che si vede intorno a noi sono pagliacciate, recite, trasmissioni tv fatte su misura, titoloni creati ad hoc, ma non c'è nessun cristiano che voglia fermare questo mattatoio con un intervento drastico ed esemplare che sia di monito per tutti ?".

30 ottobre 2017

Fonte: Tuttojuve.com

ARTICOLI STAMPA e WEB OTTOBRE 2017  

Verona-Juventus, tifosi gialloblu cantano cori anti-Napoli e sull’Heysel

di Alberto De Logu

Spiacevoli episodi al Bentegodi durante Verona-Juventus, posticipo della diciannovesima giornata di Serie A 2017-18. Sul campo i bianconeri si impongono per 3-1 anche grazie ad un ritrovato Dybala, ma sugli spalti sono da registrare un paio di cori da condannare da parte dei tifosi di casa. Il primo, quasi un "classico", è il "noi non siamo napoletani"; il secondo è "il più grande spettacolo dopo l’Heysel" a proposito della tragedia della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool nel 1985 a Bruxelles. Probabili a questo punto delle sanzioni, in attesa del comunicato del giudice sportivo.

30 Dicembre 2017

Fonte: Sportface.it


www.saladellamemoriaheysel.it  Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)