www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Intervista a Rogan Taylor
    Interviste     Audio-Video Interviste     Testimonianze     Bibliografia     Stampa e Web   
Docente Universitario e Saggista

(Direttore "Football Industry Group" a Liverpool)

L’eredità dell’Heysel

Intervista al Prof. Rogan Taylor, Direttore del "Football Industry Group" presso l'Università di Liverpool, scrittore di numerosi saggi di sociologia sul calcio.

In occasione del 25° anniversario della tragedia dello stadio Heysel, il Liverpool Football Club ricorda i 39 tifosi di calcio che perdettero la vita nel disastro. Come segno di rispetto, la bandiera del club volerà a mezz’asta per tutta la durata del giorno nella sede del prestigioso club inglese. Una commovente funzione commemorativa si è svolta oggi a Torino a cui hanno partecipato dirigenti e calciatori di entrambi i club Liverpool e Juventus. Gli ex giocatori Phil Neal e Sergio Brio hanno scoperto la targa con la scritta "In Memoria e Amicizia" e posto una corona di fiori. Lo studioso Dott. Rogan Taylor (docente presso l’Università di Liverpool ed autore di numerosi libri di sociologia sul calcio) in un’intervista valuta l’impatto dell’Heysel e spiega come il disastro abbia favorito la creazione della Premier League.

Quanto è importante oggi, ricordare l’Heysel ?

"È tremendamente importante. I tifosi del Liverpool non dovrebbero mai dimenticare Heysel e i suoi 39 morti. Il disastro di Hillsborough, avvenuto quattro anni dopo, ha talvolta messo in ombra il fatto che su un campo straniero qualcosa di altrettanto terribile per 39 famiglie è successo".

Quali erano le implicazioni dell'Heysel ?

"Le lezioni che abbiamo tratto dall’Heysel non sono state lezioni sui nostri stadi e sulla nostra polizia, perché era in Belgio. C’è voluto Hillsborough per imparare queste lezioni. Dopo l’Heysel è stato covato l’uovo della Premier League. Tante persone non si rendono conto che dopo l’Heysel era morto il calcio europeo. Il Liverpool aveva partecipato per 20 anni consecutivi in Europa dal 1965. Allora, cosa si doveva fare ? I cinque grandi, del momento, Everton, Manchester United, Tottenham, Arsenal e Liverpool, si sono riuniti e hanno iniziato a parlare di quello che dovevano fare. E allora Heysel più Hillsborough su Sky TV è uguale a Premier League e calcio moderno".

Questo è un bel lascito…

"Sì, lo è. La tragedia dell' Heysel ha iniziato la seconda rivoluzione del grande calcio. La prima fu l’inizio del calcio professionistico, avvenuto 100 anni prima di Heysel e Hillsborough, nel 1887".

Lei ha giocato un ruolo enorme nel raccogliere i pezzi dopo l'Heysel istituendo la "Football Supporters Association". Ci racconti…

"All’epoca dei fatti, stavo facendo un dottorato e sono stato tremendamente colpito dalla tragedia dell’Heysel e dall’impatto che ha avuto su questa città. Liverpool era devastata. Tragedia, venuta in un momento molto brutto per la città. Coloro che ricordano il 1980 ed il governo della signora Thatcher si ricorderanno di come eravamo in forte recessione. Il calcio era il solo settore di eccellenza di questa città. Ho raccolto tutta la documentazione in seguito, dai giornali e dalla televisione. Mentre leggevo e guardavo, mi sentivo sempre più come se dovessi scrivere qualcosa di me stesso, perché nessuno si era rivolto a ciò che realmente significa Heysel. Il dibattito, molto appassionato, era su individuare le colpe, perché giovani volevano combattere tra di loro e perché eravamo in quello stadio. Ma nessuno si era soffermato per affrontare il significato. La mia sensazione è che il disastro ha segnato un crollo completo del rapporto tra i tifosi di calcio e il gioco. Così ho deciso di scrivere un brano e inviarlo ad un giornale. Sono andato a casa di un mio amico Pete Garrett con pochi altri tifosi del Liverpool. Uno di questi, Maggie Reid, propose di istituire un organismo, una sorta di "unione tifosi" e allegare il suo nome al testo che inviai al giornale. Così fondammo il "Football Supporters Association".

E qual è stata la risposta ?

"Abbiamo inviato la lettera, il Lunedì, era stata pubblicata sul giornale e il Giovedì all’ora di pranzo la BBC Newsnight ci aveva telefonato. Hanno detto che l’intero programma del giorno successivo sarebbe stato dedicato alla domanda: Dove va il calcio inglese dopo l'Heysel e il divieto ai club inglesi dell’Europa ? Non avevano fan da mandare in studio e chiamarono noi".

Ed ha continuato a trasformarsi in una grande organizzazione…

"Abbiamo avuto tre o quattro mila lettere nelle prime due o tre settimane. Negli ultimi 25 anni abbiamo raggiunto una quantità enorme. All’organizzazione i tifosi potevano aderire singolarmente. Abbiamo colmato un vuoto ed i media ci hanno riconosciuto. Siamo stati coinvolti in una situazione altamente significativa e politica".

Che impatto ha avuto sulla violenza negli stadi in questo Paese ?

"È difficile da raccontare. La "Football Supporters Association" non è stata formata come un organizzazione anti-violenza negli stadi. La nostra tesi era che il teppismo era un aspetto di una relazione fallita. Abbiamo voluto iniziare questo rapporto di smistamento e sapevamo il teppismo avrebbe iniziato a regredire automaticamente, anche se c’è sempre qualche idiota in giro". (Traduzione di S. Romano)

29 maggio 2010

Fonte: Liverpoolfc.tv
www.saladellamemoriaheysel.it  Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)