www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Alianza Lima 8.12.1987
    Pagine della Memoria     Morire di Calcio     Superga 4.05.1949     Tragedia Stadio "Ballarin"    

 
 
LA TRAGEDIA LE VITTIME WIKIPEDIA AUDIOVISIVI
ALTRE FONTI : Peru.com      Eltiempo.com      Peru30.wordpress.com
Thesefootballtimes.co      Americatv.com.pe      Flacso.org.ec

L’alianza perduta

di Simone Galeotti

Quel pomeriggio, come sempre, la città di Lima si mostrava spaccata in due. A destra dell’Avenida Tupac Amaru gorgogliava l’urbanizzazione e i rumori caotici del traffico, dall’altra parte s’impennavano le brulle colline sabbiose che avevano subìto nel tempo innumerevoli invasioni di popolani in cerca di una casa. Anche il suo perenne cielo grigio che minacciava costantemente tempesta, senza per altro farlo quasi mai, era lì imperturbabile, immobile e infinito. Colpa dei venti dicono, degli alisei che si infrangono contro la Cordigliera creando un’ombra, una barriera pluviometrica tesa a impedire, o limitare, le precipitazioni. Strana Lima, con il quartiere di Barranco, balneare e borghese, un po’ bohèmien, frequentato da scrittori, attori e poeti, dove si bevono cocktail a base di Pisco e alla "Puente" fanno mostre di arte contemporanea. Strana Lima, con Miraflores, incastonata lassù in alto, sopra scogliere frastagliate, da cui, stando attenti, ci si può affacciare a sbirciare le onde del Pacifico impegnate a infrangersi su spiagge lunghissime. Quel pomeriggio un calendario sgualcito appeso sul tettino di legno di un banco del mercato ricolmo di verdissima Chirimoya recitava 7 dicembre 1987. C’era nell’aria, appena percettibile, una sottile vibrazione radiofonica che perdeva consistenza allontanandosi dalle uscite dei locali e la riacquistava nuovamente nei pressi di altri tavolini animati dal suono della Quena e del Charango. C’erano strisce di carta colorata di biancoblu e lo scudetto dell’Alianza Lima impresso sulle maglie di bambini dagli occhi accesi da una vitalità inquieta e rara. Intorno al Mapute, il vecchio stadio della squadra, si respirava attesa e sulle panchine intorno all’impianto qualcuno leggeva "El Bocon" che in prima pagina mostrava un esultante Carlos "Pacho" Bustamante fotografato subito dopo la rete che giusto qualche ora addietro aveva permesso all’Alianza di vincere in trasferta a Pucallpa conquistando così la testa della classifica del campionato. La squadra sarebbe tornata a breve con un volo messo a disposizione dalla marina peruviana e la gente aveva voglia di festeggiare i propri beniamini. Eppure ad un certo punto il "bombo" cessò di suonare, tutti i mezzi si accostarono ai lati delle strade e in molti si spintonavano per entrare in un bar ad ascoltare insieme (come se solo l’unione di vista e udito avesse la capacità di evitare l’abbaglio dell’impossibile) una notizia arrivata a dosi frammentarie ma che adesso appariva davvero maledetta e rigida, una sorta di peccato originale da subire senza alcuna possibilità di espiazione. L’aereo, secondo i giornalisti, era caduto a pochi km dall’aeroporto, caduto in mare, nel mare scuro di Ventanilla e nessuno aveva sentore di superstiti, sembrava che l’oceano avesse inghiottito tutto, elargendo ai flutti la storia e ai pesci gli uomini dell’Alianza Lima, un club nato nel 1901 per volontà di un gruppo di giovani lavoratori di una scuderia di cavalli chiamata con quel nome, sinonimo di forte legame, e ribattezzati "Los Potrillos", i puledri, per tutti, in ogni caso "El Equipo del Pueblo". Nessuno, accertata la tragedia seppe darsi pace. Nell’immediato, centinaia di uomini donne e ragazzi si precipitarono al porto, sulle rive, i pescatori misero a disposizione delle autorità di recupero le loro barche ma non fu permesso a nessuno di uscire al largo; i bambini guardavano l’orizzonte con le loro bandierine colorate su cui era scritto quello che a tutti adesso appariva un inutile e drammatico richiamo di speranza: Arriba Alianza. L’inesperienza dei piloti apparve subito la chiave di lettura del dramma. L’apparecchio era comandato dal tenente Edilberto Villar e dal suo vice César Morales. I due avevano scarsa esperienza di volo notturno come testimoniò un rapporto stilato poco dopo l’incidente. L’aereo decollò da Pucallpa alle 18:30 in condizioni di scarsa manutenzione registrando svariati malfunzionamenti nella strumentazione di bordo. Intorno alle 20:00 l’equipaggio contattò la torre di controllo dell’Aeroporto Internazionale Jorge Chávez di Lima per chiedere l’autorizzazione ad atterrare; nonostante dei problemi con il sistema d’illuminazione della pista, il permesso fu accordato ma un guasto a bordo del Fokker, mal interpretato dai piloti, fu fatale. Durante una manovra per tentare di tornare in linea con la pista, una delle ali dell’aereo colpì il mare e l’apparecchio si inabissò al largo di Callao. Persero la vita 43 persone, 16 calciatori, 5 membri dello staff tecnico, 4 dirigenti, 8 baristi, 3 arbitri e 7 membri dell’equipaggio. Quella promettente Alianza, allenata dal mitico allenatore Marcos Calderón, destinata a un futuro di successi scomparve sui fondali: Caíco" Gonzales Ganoza, César Sussoni, Tomás "Pechito" Farfán, Daniel Watson, Braulio Tejada, José Mendoza, Gino Peña, César Chamochumbi, Carlos Bustamante, Milton Cavero, Luis Escobar, Ignacio Garretón, José Casanova, Alfredo Tomassini, William León e Aldo Sussoni. Ci furono tante, forse troppe illazioni sull’accaduto, addirittura sbucò il fantasma di Alfredo Tomassini. La voce "Tomassini è vivo !" si può sentire, urlata da qualcuno, ancora oggi per le strade di Lima. Secondo la storia ufficiale Tomassini morì nello schianto eppure nacque una vicenda, ancora avvolta nel mistero, sulla quale non è mai stata fatta del tutto chiarezza.

Chi era Alfredo Tomassini ? Tomassini nacque il 29 giugno 1964 e cominciò subito da piccolo la sua formazione professionale nell’Alianza Lima. La sua situazione era totalmente diversa rispetto a quella della maggior parte dei suoi compagni, dal momento che loro venivano quasi tutti da quartieri molto umili, dove avevano avuto problemi di alimentazione in infanzia ed erano di pelle scura. Tomassini invece era bianco, arrivava da una famiglia molto benestante che gli aveva garantito scuole private e un’ottima educazione. Sul campo era un giocatore duro a tratti brusco, ma con due buoni piedi e capace di ripartire con tecnica raffinata. Il giornale "La Crónica" pubblicò un drammatico dialogo di Tomassini (esperto nuotatore) con il pilota dell’aereo, dove si diceva che "Tomassini lottò con molto coraggio per rimanere a galla, mantenendo un dialogo col comandante Edilberto Villar (l’unico a salvarsi a bordo). Villar avrebbe incoraggiato la conversazione per far in modo che il giocatore non perdesse conoscenza a causa della stanchezza, ma alla fine stando a quanto riporta il pilota, "Tomassini non riuscì più a resistere e si perse nel mare di Ventanilla". Tuttavia non pochi ipotizzano ancor’oggi che Alfredo sia vivo e che sia stato obbligato a uscire dal paese per un presunto collegamento fra la marina peruviana e un certo carico di droga presente maldestramente presente su quel velivolo. Ecco perché alcuni ritengono che Alfredo si sia salvato in qualche maniera, e poi fatto partire in gran fretta forse per la Spagna sotto copertura e con un altro nome. La verità è che a trent’anni esatti dall’accaduto non si è saputo più niente di nessuno; la verità è che non torneranno più e a cullare i sogni dei tifosi restano solo le strofe della canzone di Alfredo Polo Campos, "De la victoria a la gloria", dedicata all’Alianza Lima, un testo diventato in breve inno e memoria: "Fronte al mar de Ventanilla se derubò un’Esperanza. En i mar de Grua decana il silos de La Victoria, pero melos deste la gloria ritarane: ¡Arriba Alianza !".

19 dicembre 2017

Fonte: Storiemaledette.com


Alfredo Tomassini e la caduta dell’aereo dell’Alianza Lima

di Francesca Cherchi

La storia ufficiale a questo punto dice che, alcuni chilometri prima di atterrare all’Aeroporto Internazionale Jorge Chávez di Lima, l’aereo cadde in mare all’altezza della località chiamata Chalaca de Ventanilla. Nell’incidente persero la vita 43 persone, tra loro 16 calciatori, 5 dello staff tecnico, 4 dirigenti, 8 baristi, 3 arbitri e 7 membri dell’equipaggio. Il pilota si salvò. "So quello che dico, Tomassini è vivo !" è ciò che si può sentir dire ancora oggi per le strade da parte di qualche peruviano. Secondo la storia ufficiale, invece, Tomassini morì nella tragedia aerea di Alianza Lima nel 1987; una storia però, ancora avvolta nel mistero, non sono infatti mai state chiarite né le cause né le conseguenze di tale incidente.

Chi era Alfredo Tomassini ?

Tomassini era un giocatore peruviano nato il 29 giugno 1964. Fin da piccolo cominciò la sua formazione professionale nell’Alianza Lima, arrivando a giocare nella squadra più importante e nei momenti migliori. La sua situazione era totalmente diversa rispetto a quella della maggior parte dei suoi compagni, dal momento che loro venivano quasi tutti da quartieri molto umili, dove avevano avuto problemi di alimentazione durante la loro infanzia e di pelle scura. Tomassini invece era bianco, veniva da una famiglia ricca e aveva avuto un’ottima educazione. Il suo stile forte, ma a tratti brusco, contrastava con la tecnica raffinata, ma i fisici deboli dei suoi compagni.

La tragedia dell’Alianza Lima.

Nel 1987 Alianza possedeva una delle squadre più promettenti della sua storia. Il 7 dicembre di quell’anno, Alianza andò a Pucallpa per la trasferta contro il Deportivo di quella città, con buone possibilità di vincere l’intero campionato. Alianza si impose per 1-0 e alcuni dei tifosi che erano andati a sostenerli iniziarono anche a festeggiare timidamente. Per il rientro a Lima, la squadra si mise d’accordo con la Marina del Perù affinché potessero viaggiare in un volo charter, a bordo di un aereo Fokker, il giorno seguente. La storia ufficiale a questo punto dice che, alcuni chilometri prima di atterrare all’Aeroporto Internazionale Jorge Chávez di Lima, l’aereo cadde in mare all’altezza della località chiamata Chalaca de Ventanilla. Nell’incidente persero la vita 43 persone, tra loro 16 calciatori, 5 dello staff tecnico, 4 dirigenti, 8 baristi, 3 arbitri e 7 membri dell’equipaggio. Il pilota si salvò.

L’aiuto del Colo-Colo.

Nel mentre, Alianza Lima finì il campionato con giocatori della giovanile e alcuni giocatori presi in prestito dalla squadra cilena Colo-Colo, che si era precedentemente trovata in una situazione simile. Dopo l’incidente venne ritrovato il pallone con il quale si era disputata l’ultima partita e ancora oggi viene conservato nella sede di Alianza. Già nel 2006 un’inchiesta giornalistica riportò alla luce il rapporto ufficiale redatto dalla Marina del Perù, nel quale si segnalava che l’aereo presentava problemi tecnici e che il pilota aveva poca esperienza nei voli notturni. Oltre a tutto questo, la cosa particolare è tutto ciò che si è ricamato poi attorno a questa vicenda e soprattutto le fantasie nate attorno al mancato ritrovamento dei corpi di Luis Escobar, Francisco Bustamante, Alfredo Tomassini, Gino Peña e William León. Secondo una di queste fantasie vi furono terribili scontri tra la Marina e i familiari dei giocatori dispersi. Si dice che non gli venne permesso di ispezionare il luogo dell’incidente con delle barche quando c’era la possibilità che i dispersi fossero ancora vivi, e che addirittura gli venne impedito con la forza.

Drammatico dialogo con il pilota dell’aereo.

Il giornale "La Crónica" pubblicò "i membri della delegazione di Alianza, in un drammatico dialogo con il pilota dell’aereo, dopo aver appreso dell’incidente subito, preferirono sacrificarsi per non causare la morte di più persone, cosa che sarebbe successa se l’aereo si fosse schiantato a terra e non in mare". Questo trasformò i calciatori in dei veri e propri eroi. Circolava anche una storia che parlava della possibilità che Tomassini si fosse salvato, considerando che si era solo rotto una gamba nell’incidente e che era un ottimo nuotatore con certificazioni internazionali. "La Crónica", un altro giornale locale, affermò che "Tomassini lottò con molto coraggio per rimanere a galla, sempre mantenendo un dialogo col pilota. Il pilota avrebbe incoraggiato la conversazione per far in modo che il giocatore non perdesse conoscenza a causa della stanchezza, ma non riuscendo più a resistere, si perse per sempre nel mare di Ventanilla". Ci furono anche ipotesi su un possibile collegamento tra la Marina e il traffico di droga. Si dice che il pilota avrebbe ucciso Alfredo o che lo avrebbe obbligato ad uscire dal paese in incognito. Alcuni dicono perfino che sia ancora vivo e che viva in Spagna con un altro nome. La verità è che non si seppe mai più niente di Alfredo Tomassini, almeno fino al 27 luglio 1991, quando a Lima venne fondato un club con il suo nome come piccolo omaggio, non solo a lui, ma anche a tutte le altre persone che morirono nell’incidente.

8 dicembre 2017

Fonte: Messaggeroip.com

www.saladellamemoriaheysel.it  by Domenico Laudadio  ©  Copyrights  22.02.2009  (All rights reserved)