Privacy Policy Cookie Policy
OTELLO LORENTINI
www.saladellamemoriaheysel.it   Sala della Memoria Heysel   Museo Virtuale Multimediale
Otello Lorentini Albero dei Giusti Rondine 2024
   Otello   Roberto   Andrea   Giusy Conti   Cerimonie Arezzo   Cerimonie Associazione   

Durante Youtopic Fest sono stati piantati tre nuovi alberi nel Giardino dei Giusti-Artigiani di Pace, inaugurato lo scorso anno a Rondine Cittadella della Pace in collaborazione con Gariwo la foresta dei Giusti. Uno di questi dedicato alla memoria dell’aretino Otello Lorentini, che con la sua determinazione portò in tribunale i responsabili della strage dell’Heysel (Bruxelles) dove il 29 maggio del 1985, perse il figlio Roberto nel prepartita della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Da allora e fino alla sua scomparsa, avvenuta l’11 maggio del 2014, ha sempre cercato giustizia e mai vendetta. Alla cerimonia era presente Gabriele Nissim presidente di Gariwo la foresta dei Giusti che ha ribadito l’importanza della memoria per la costruzione di un futuro di pace. Fonte: Intoscana.it © 1 giugno 2024 Fotografia: Associazionefamiliarivittimeheysel.it ©



Rondine 1-06-2024

 

L'albero per Otello Lorentini nella foresta dei giusti

Giornata intensa che si è aperta con il Giardino dei Giusti-Artigiani di Pace, inaugurato lo scorso anno in collaborazione con Gariwo la foresta dei Giusti, dove sono stati piantati tre nuovi alberi, uno dei quali dedicato a Otello Lorentini, che con la sua determinazione portò in tribunale i responsabili della strage dell’Heysel (Bruxelles) dove il 29 maggio del 1985, perse il figlio Roberto nel prepartita della finale di Coppa dei Campioni tra Juventus e Liverpool. Da allora e fino alla sua scomparsa, avvenuta l'11 maggio del 2014, ha sempre cercato giustizia e mai vendetta. "Per la famiglia Lorentini è motivo di grande orgoglio il fatto che mio nonno Otello sia stato inserito nel Giardino dei Giusti a Rondine - ha detto Andrea Lorentini - E’ stato un uomo che ha mostrato grande coraggio e determinazione nel momento in cui ha scelto di fondare l’Associazione tra i familiari delle vittime di l’Heysel dopo la strage nella quale persero la vita 39 persone tra le quali il figlio Roberto. Ha guidato le famiglie delle vittime italiane nel processo che ne è seguito riuscendo a far condannare la Uefa in una sentenza che ha fatto giurisprudenza e che ha portato a migliorare i criteri di sicurezza negli stadi. Otello per anni si è impegnato contro la violenza nello sport cercando di spiegarne i veri valori, a partire dal rispetto e dal fairplay per far sì che la memoria di quella strage fosse un seme e non un feticcio. Ha avuto la capacità di trasformare il dolore per la perdita di un figlio in uno strumento di pace". Fonte: Arezzonotizie.it © 1 giugno 2024 Fotografie: Associazionefamiliarivittimeheysel.it © Video: Teletruria © Associazionefamiliarivittimeheysel.it © Intoscana.it ©

Perse il figlio Roberto all'Heysel, fondò l'associazione familiari vittime

Otello Lorentini sarà nel Giardino dei Giusti

Cerimonia a Rondine, Caremani: "Ha cercato giustizia, mai vendetta"

di Francesca Muzzi

AREZZO - Nel Giardino dei Giusti-Artigiani di pace a Rondine Cittadella della Pace, dal prossimo 1 giugno, ci sarà anche una targa con il nome di Otello Lorentini. Il 29 maggio del 1985, allo stadio Heysel perse il figlio Roberto (l'altra vittima aretina fu Giusy Conti, aveva 17 anni) in quell'assurdo e tragico pre-partita finale di Coppa Campioni tra Juventus e Liverpool. Da allora e fino alla sua scomparsa, avvenuta l’11 maggio del 2014, ha sempre "cercato giustizia e mai vendetta", dice oggi Francesco Caremani, giornalista e scrittore che per la prima volta fece luce su quanto accadde allo stadio di Bruxelles grazie al suo libro Le verità sull'Heysel pubblicato nel 2003. Oggi, a quasi 40 anni da quella strage, il nome di Otello Lorentini sarà a Rondine in quel giardino inaugurato lo scorso anno e che già ospita Mahatma Gandhi, Nelson Mandela, Simone Veil, Don Pino Puglisi, Alexander Langer e Luca Attanasio. Lorentini sarà tra i Giusti dello Sport. "Mi piaceva - dice oggi Francesco Caremani - che anche ad Arezzo, Otello avesse un riconoscimento ufficiale come quello che avverrà a Rondine". "Per ciò che ha fatto da quel 29 maggio 1985 fino al giorno della sua morte, è importante che la memoria non venga mai meno. Che il suo ricordo sia sempre vivo", dice ancora Caremani. Fu proprio Otello Lorentini a chiedergli di scrivere il libro. Successivamente ci sono state altre pubblicazioni e due anni fa anche una serie in sei episodi "The Heysel Tragedy" di Jan Verheyen e Jean-Philippe Leclaire ispirata al libro "Heysel. La tragedia che la Juventus ha cercato di dimenticare" di Jean-Philippe Leclaire, edito in Italia da Piemme. "Ma se la serie è già andata in onda in Francia e in Belgio - sottolinea ancora Francesco Caremani - ancora non è stata vista in Italia". Alla cerimonia di Rondine che sarà all'interno di YouTopic Fest 2024, ci sarà anche Andrea Lorentini, figlio di Roberto e nipote di Otello. Con grande determinazione e coraggio, Andrea ha portato avanti l'associazione che il nonno ha fondato per i familiari vittime Heysel. Andrea era poco più che un bambino quando la furia degli hooligans privò lui del padre che, medico e già salvo, tornò indietro tra la folla urlante e bisognosa di aiuto per salvare un bambino. Roberto, per il suo gesto eroico che pagò con la vita è stato insignito della medaglia d'argento alla memoria al valore civile. L'intitolazione nel Giardino dei Giusti avverrà il 1 giugno, tre giorni dopo l'anniversario - quest'anno sarà il 39esimo come 39 furono i morti della strage allo stadio. "E' sempre un momento di riflessione - sottolinea Caremani - Otello però mi e ci ha insegnato a cercare, negli anni, giustizia e verità e mai vendetta". C'era anche lui quel 29 maggio 1985 allo stadio Heysel di Bruxelles, insieme oltre che a suo figlio anche a due nipoti, Andrea e Giovanni. "Un viaggio - scrive Francesco Caremani - che doveva essere una festa, la finale del secolo (come fu ribattezzata allora) contro il Liverpool che si trasformò nella tragedia del secolo e nella definitiva perdita dell'innocenza del calcio mondiale. Otello Lorentini e la sua battaglia riuscirono a condannare l'Uefa, un capitano di polizia, pochi hooligan rintracciati e risarcimenti, che nessuno ha mai chiesto. La condanna dell'Uefa, resa corresponsabile delle manifestazioni che organizzava e che organizza, è storica, ha fatto giurisprudenza e ha cambiato per sempre il football europeo, soprattutto le coppe, esigendo severi requisiti di sicurezza per gli stadi delle finali e non solo". "Quando si parla di Heysel - scrive sempre Caremani - di giustizia, di memoria per quella strage non dobbiamo mai dimenticare che Otello Lorentini c'è stato prima di tutti, quando tutti non c'erano". Fonte: Corriere di Arezzo © 16 maggio 2024 Tweet: Associazionefamiliarivittimeheysel.it ©

L'omaggio della Cittadella della Pace

Lorentini e l’impegno per le vittime dell’Heysel

Otello nel Giardino dei Giusti di Rondine

Otello Lorentini, padre di una vittima dell'Heysel, sarà inserito nel Giardino dei Giusti a Rondine per il suo impegno nella ricerca di giustizia. La sua memoria vive attraverso l'Associazione che promuove il rispetto e il fair play.

AREZZO - Fondatore dell’Associazione tra i familiari delle vittime di Bruxelles, si era battuto per chiedere giustizia per i morti dell’Heysel. Dieci anni fa è morto Otello Lorentini, padre di Roberto una delle vittime della strage dell’Heysel del 29 maggio 1985. Ora sarà inserito nel Giardino dei Giusti - Artigiani di Pace di Gariwo, la foresta dei Giusti a Rondine Cittadella della Pace, il prossimo sabato 1° giugno all’interno di YouTopic. Doveva essere la finale del secolo, la coppa dei campioni Juventus contro il Liverpool, ma si trasformò in una tragedia. Nel settore Z, muoiono, schiacciate e soffocate dalla calca, 39 persone sotto i colpi degli hooligan inglesi. Roberto, nonostante la calca e le cariche degli hooligan del Liverpool, era salvo. Ma si lanciò in mezzo all’inferno per tentare di salvare un bambino con la respirazione bocca a bocca. Quel gesto gli è stato fatale e oggi lo ricorda una medaglia d’argento al valor civile. Otello non ha mai potuto accettare di avere perso l’unico figlio per una partita di calcio, così fondò l’Associazione tra i familiari delle vittime dell’Heysel per portare davanti a un giudice i responsabili della strage. "Ci ha insegnato l’educazione e uno stile", ricorda il nipote Andrea, giornalista de La Nazione che ne ha raccolto il testimone della memoria rifondando nel 2015 l’Associazione fra i familiari delle vittime dell’Heysel per diffondere la cultura del rispetto e del fair play nelle nuove generazioni. "Non andava mai fuori dalle righe e sapeva sempre come comportarsi, anche quando doveva esprimere un concetto forte. Ci ha insegnato il rispetto per gli altri e ci ha fatto crescere come persone razionali ed equilibrate". Fonte: La Nazione.it © 16 maggio 2024 Video: Teletruria ©

SASSAIOLA E RISSA: CAOS SUL TRATTO ARETINO TRA ATALANTINI E JUVENTINI

Tifosi e violenze in autostrada

I criminali nella terra di Otello

di Federico D'Ascoli

Il calcio italiano continua a essere segnato dalla violenza degli ultrà, esprimendo un concetto distorto di agonismo. Mentre il Paese si indigna per piccoli episodi, il vero problema resta l'ombra dei criminali dietro le sciarpe.

Capitano tutte qui. Nel tratto aretino dell’A1, 50 chilometri e spiccioli, prima la morte di Sandri per mano dell’agente Spaccarotella, poi gli scontri tra romanisti e napoletani che bloccarono il traffico lo scorso anno, infine la sassaiola tra atalantini e juventini di ieri. La violenza degli ultrà esprime disagio e un concetto distorto di agonismo a livello patologico. Il calcio è un business che vive gestendo enormi interessi economici ma il Paese si esalta o si indigna per una bambina maleducata che dice "Juve merda" in diretta tv. In questo clima va ricordato l’impegno di Otello Lorentini che sarà inserito nel Giardino dei Giusti di Rondine. Ma a quasi 40 anni dall’orrore dell’Heysel il calcio non si è liberato dall’abbraccio dei criminali nascosti dietro una sciarpa.  Fonte: La Nazione © 16 maggio 2024 Fotografia: Associazionefamiliarivittimeheysel.it ©

Otello Lorentini nel Giardino dei Giusti di Rondine

La cerimonia si terrà sabato 1 giugno all’interno di YouTopic Fest 2024

Otello Lorentini sarà inserito nel Giardino dei Giusti – Artigiani di Pace di Gariwo, la foresta dei giusti a Rondine Cittadella della Pace. La cerimonia si terrà sabato 1 giugno all’interno di YouTopic Fest 2024. Otello - morto 10 anni fa, l’11 maggio 2014 - è stato il padre di Roberto Lorentini, deceduto nella strage dell’Heysel il 29 maggio 1985. Roberto era un giovane medico tifoso della Juventus. Quella tragica notte era in salvo, nonostante la calca e le cariche degli hooligan del Liverpool, ma si lanciò in mezzo all’inferno per tentare di salvare un connazionale con la respirazione bocca a bocca, gesto che gli fu fatale. Otello è stato il fondatore dell’Associazione tra le famiglie delle vittime di Bruxelles battendosi per portare davanti a un giudice i responsabili della strage costata la vita a 39 persone. La memoria delle vittime continua grazie anche al suo caparbio e lodevole operato.  Fonte: Arezzonotizie.it © 15 maggio 2024 Fotografie: Corriere di Arezzo © Associazionefamiliarivittimeheysel.it Banner: Associazionefamiliarivittimeheysel.it © Curvafiladelfia.wordpress.com ©

Museo Virtuale Multimediale © Domenico Laudadio Copyrights 2009 (All rights reserved)